Un convegno internazionale In vista della creazione del Collegio di studi filosofici “Pensiero filosofico vivente”

Accademia Vivarium novum (Villa Falconieri, Frascati), 22-23-24 Ottobre 2022

Riceviamo e pubblichiamo:

Il Collegio di studi filosofici “Pensiero filosofico vivente” affiancherà il “Centro studi e ricerche sulla natura, l’umano e l’unità del pensiero”, creato nel 2018 all’Accademia Vivarium Novum con l’obiettivo di lavorare in modo autonomo e aperto ad una ricomposizione delle due culture, quella scientifica e quella umanistica. Gli obiettivi del Collegio sono lo studio e l’approfondimento trasversali del pensiero filosofico antico, moderno e contemporaneo, lo sviluppo delle conoscenze e pratiche filosofiche nella scuola, nei luoghi di cultura e nella società, e l’elaborazione di un pensiero filosofico vivente attraverso l’esplorazione e l’elucidazione delle relazioni con altre discipline e l’invenzione di nuovi contenuti, metodi e fini. La filosofia può e deve contribuire a introdurre una differenza fondamentale nell’attuale realtà, dominata dall’assenza di pensiero, dal non-senso, vale a dire a segnare una profonda discontinuità qualitativa nella vita delle persone rispetto alle tendenze contemporanee dominanti. Tali tendenze, chiaramente visibili, se non dominanti, stanno portando a un sempre maggiore asservimento del pensiero da un lato e a un declino irrimediabile della cultura, nonché alla scomparsa di interi campi della conoscenza umanistica, scientifica ed artistica dall’altro. Noi pensiamo che il dialogo tra scienza e filosofia, e in particolare tra scienze della natura e scienze dell’uomo, vada considerato come un elemento chiave della risposta alla crisi del pensiero e della civiltà, come un’occasione per una rinascita del pensiero e di altri modelli sociali e di vita. La ricerca filosofica deve congiungere in un solo atto il pensiero e l’azione, unire forme di conoscenza e forme di vita; è suo compito non solo esplorare il profondo legame che esiste tra il livello concettuale e il livello concreto del pensare, ma anche lavorare affinché esso si realizzi in un modo di vita operante. Quello del filosofo, insomma, deve essere “pensiero filosofico vivente”. La forma più degna e nobile oggi di resistere e ribellarsi consiste nell’agire col pensiero, cioè riflettendo e ricercando, e nel pensare con l’azione, cioè creando situazioni concrete che incarnino nuovi modi di pensare e di vivere. La filosofia può e deve dare un contributo importante alla rinascita del pensiero critico e quindi della capacità di analisi della consistenza e complessità del reale.

 

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

 

VENERDÌ 21 OTTOBRE (POMERIGGIO/SERA)

Arrivo dei Relatori

 

SABATO 22 OTTOBRE

MATTINA (Coordina Fabio Bentivoglio)

8:30 – Saluto di benvenuto (Luigi Miraglia, Presidente dell’Accademia Vivarium Novum)

8:45 – Presentazione del “Collegio di studi filosofici” (Fabio Bentivoglio e Luciano Boi)

Le origini filosofiche dell’umanesimo e le sue diverse forme, dall’antichità fino ai recenti sviluppi

9:00 – 9:50 Franco Ferrari: Il Timeo di Platone e la fisica moderna: alcune riflessioni

9:50 – 10:40 Interventi Ignacio Armella Chavez, Fausto Fraisopi Pausa caffè

I fondamenti filosofici della giustizia e della libertà: leggere i problemi contemporanei alla luce del pensiero hegeliano et post-hegeliano

11:10 – 12:00 Fabio Bentivoglio: Pensiero, tecnica, identità, nell’epoca della globalizzazione

12:00 – 12:50 Interventi di Alberto Jori, Chiara Magni 13:30: Pranzo

POMERIGGIO (coordina Paolo Quintili)

Filosofia e letteratura: sentieri intrecciati e specifiche creazioni 

15:00 – 15:50 Franco Trabattoni: Poesia filosofia, immaginazione e ragione in Giacomo Leopardi

15:50 -16:40 Interventi di Enrico Castelli Gattinara, Ilaria Ferrara, Andrea Capra. Pausa caffè

Scienza,   umanesimo   e   Aufklärung,   oggi   (a   partire   da   “Scienza   e umanesimo” di Erwin Schrödinger)

17:10 – 18:00 – Paolo Quintili: Un’Aufklärung senza dialettiche: scienze, umanesimo e emancipazione umana

18:00 – 19:00: Interventi di Gaspare Polizzi, Antonio Coratti, Giulio Marchegiani Pausa caffè

19:00 – 20:30: Tavola Rotonda “La forza della filosofia, la lezione di Bodei” Dibattito sul suo ultimo libro “Dominio e sottomissione, schiavi, animali, macchine e intelligenza artificiale” (Il Mulino, 2019)

Interventi di Luigi Miraglia, Fabio Bentivoglio 21:00: Cena

 

DOMENICA 23 OTTOBRE, ORE 9:00

MATTINA (coordina Fabio Bentivoglio)

La filosofia dialoga con scienza: un nesso fondamentale e imprescindibile 

9:00 – 9:50 Silvano Tagliagambe: La filosofia dialoga con la scienza. 9:50 – 10:40 Interventi di Giuseppe Vitiello, Guglielmo Nocera Pausa caffè

Filosofia della complessità: dalla natura all’uomo

11:10 – 12: 00 Fausto Fraisopi: La sfida complessa della razionalità futura: pensiero speculativo, scienza e umanesimo.

12:00 – 12.50 Interventi di Ignazio Licata, Mario Castellana

13:30: Pranzo

POMERIGGIO (coordina Luciano Boi)

Filosofia e matematica, da Platone a Weyl: lo spazio, le forme e l’infinito 15:30-16:20 Paolo Zellini: La forza del numero e il circolo vizioso tra continuo e discreto 15:30 – 16:20 Interventi di: Guglielmo Nocera, Edoardo Niccolai

Pausa caffè

Filosofia e fenomenologia della percezione e dell’esperienza

17:30 -18:20: Alain Berthoz (on-line): Les fondements de la créativité: multiplicité des espaces d’action et géométries du cerveau, vicariance et inhibition

18:20 – 19:10 – Interventi di Luca Vanzago, Massimo Marraffa, Carlos Lobo 20:00 : Concerto

21:00: Cena

 

LUNEDÌ 24 OTTOBRE, ORE 9:00

Gruppi di lavoro (9:00 – 12:00)

Gruppo 1: Testo di presentazione del collegio – Realizzazione del sito.

Gruppo 2: Istituzioni e istituti da coinvolgere – Ricerca fondi, donatori, campagna di sottoscrizione.

Gruppo 3: Attività d’insegnamento e di ricerca, borse di studio, programma iniziative – Rapporti con le scuole.

12:00 – 13.20: Discussione interna sui documenti prodotti dai gruppi di lavoro: attività e prospettive del Collegio.

13:30: Pranzo

POMERIGGIO (coordina Fausto Fraisopi)

Limiti e possibilità: ripensare filosoficamente i rapporti tra l’umano, la natura e la tecnica

15:30 – 16:20 Alberto Jori: Oltre la crisi delle scienze europee: per una nuova visione dei rapporti tra uomo, natura e tecnica

16:20 – 17:10: Roberto Finelli, Flavio Keller, Dominique Lambert (on-line)

Pausa caffè

17:30     19:30: Presentazione del libro manifesto In difesa dell’umano – Problemi e prospettive (coll. “Patmos”, Edizioni Vivarium novum, Frascati 2022) Brevi interventi dei curatori (L. Boi, L. Miraglia, L. Maffei [online]) e dibattito

20:00: Rappresentazione teatrale

21:00: Cena

 

COMITATO ORGANIZZATIVO:

Fabio Bentivoglio (Pisa): f.bentivoglio@tiscali.it

Luciano Boi (EHESS – Paris): boi.luciano@ehess.fr

Fausto Fraisopi (Albert Ludwigs Universität Freiburg): fausto.fraisopi@philosophie.uni-freiburg.de

Paolo Quintili (Università di Roma “For Vergata”):

quintili@lettere.uniroma2.it

Luca Vanzago (Università di Pavia): luca.vanzago@unipv.it


Fonteconvegno
Articolo precedenteNobel per l’Economia
Articolo successivoUn fastidio allo stomaco
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole. Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente. Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo. A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano. Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione. Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…