Venerdì 18 giugno, alle 18:00 e 20:45, presso il teatro “Don Luigi Sturzo” di Bisceglie, si sono tenute le due repliche dello spettacolo

Il regista Francesco Sinigaglia, dopo due anni di lavoro ostacolato dall’emergenza pandemica da covid-19, ha concluso quanto realizzato del laboratorio teatrale “Il teatro delle emozioni. Atto IV” (stagione 2019-20) “La resilienza. Atto V” (stagione 2020-21) con il ritorno della sua CompagniAurea sul palco teatrale. Tale ritorno è avvenuto con un classico (una fiaba) dei fratelli Grimm: “Hänsel e Gretel”.

Il teatro “Don Luigi Sturzo” di Bisceglie ha fatto da cornice a questo ritorno, ospitando le due repliche alle ore 18:00 e 20:45 di venerdì 18 giugno 2021. L’organizzazione del tutto è avvenuta nel rispetto delle misure anticovid-19.

I protagonisti sono stati i giovani allievi d’età compresa tra i 6 e i 15 anni: Simona Angione (Voce narrante), Francesca Elena Caprioli (Strega Cicerenella), Gabriella Cosmai (Voce narrante), Ivan Di Benedetto (Hänsel), Alice Feleqi (Matrigna), Natalia Ferrante (Passero e Anatra), Ramona Ferrante (Voce narrante), Jon Llazani (Padre Taglialegna) Carlotta Mastrodonato (Madre della matrigna, Suocera), Ludovica Quercia (Voce narrante), Porzia Simone (conduzione) e Antonella Suriano (Gretel). La realizzazione del lavoro Hänsel e Gretel è avvenuta con il patrocinio del Comune di Bisceglie e in collaborazione con Fondazione DCL, S.O.M.S. “Roma Intangibile”, TeatrItalia e F.I.T.A. Puglia.

Per quanto concerne la parte tecnica: assistente alla regia, Ilaria Di Benedetto; trucco e parrucco, Arianna Lamantea e Porzia Simone; disegno luci e scenografia, Andrea Di Molfetta; luci e audio, S.A.M.Mi Service di Mimmo Palmiotti e Maurizio Palmiotti; costumi, Anna Todisco.

La riuscita dello spettacolo è stata possibile anche grazie al teatro “Don Sturzo”, a Erica Di Leo, a Camilla Sinigaglia, all’Antica Fioreria, al Panificio Mastrodonato e a tutto il comparto stampa.

Il regista Sinigaglia ha ritenuto la sua compagnia coraggiosa per quanto realizzato. Si è dichiarato soddisfatto per: il ritorno in un teatro vero, con il coinvolgimento di un pubblico alle prime esperienze con il mondo del teatro; il rispetto delle misure anti-contagio; la correttezza e puntualità del pubblico; la ripartenza dopo un importante periodo di stop; per la riuscita del suo spettacolo.

Sinigaglia ha tenuto a sottolineare le parole, dense di significato, pronunciate dall’attrice Simona Angione al termine degli spettacoli: “È tutto ok, adesso che possiamo stare insieme. E staremo insieme per sempre. Che ce ne importa se ci sarà da soffrire, da lavorare. Quando non sarà più teatro e quando sarà realtà, un sentiero lo troveremo e ce la faremo. Se andremo lontano o se raggiungeremo il capo del mondo, questo messaggio lo ricorderemo per sempre. Finché staremo insieme senza paura vivremo. E sarà tutto ok. È tutto ok».


Articolo precedenteDemocrazia umida: immigrazione e relatività non relativista
Articolo successivoLibera Chiesa…
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.