Linea danzante

su viso che osteggia,

che combatte scempiaggine.

Nessuno ed oltre

toglierà mai la speranzosa forza,

la dignitosa fierezza,

la lealtà a principi morali eterni,

la leggiadra saggezza

di un sorriso.

Luce eterna 

su volto mestamente oltraggiato

ed oltraggiosamente annientato.

 

Durante gli abusi che ha dovuto affrontare per mano dei talebani, il comico Nazar Mohammad non ha mai smesso di fare battute sul gruppo di ribelli. Con l’accusa di essere un membro della polizia nazionale afgana e di essere stato implicato nella tortura e nell’uccisione di uomini talebani il comico è stato ucciso a colpi di arma da fuoco.


FontePhoto by Sohaib Ghyasi on Unsplash
Articolo precedenteFame di Cristi reali
Articolo successivoMozart, il genio della musica
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.