Guerra e pandemia hanno spostato l’attenzione da un problema per nulla risolto

La guerra in Ucraina ha monopolizzato le attenzioni dei leaders atlantici, impegnati nella risoluzione di un conflitto che rischia di protrarsi, ben oltre le aspettative di una “guerra lampo”, con conseguenze che nessuno può provvedere; prima ancora era stata la pandemia da COVID 19, che sembrava essere divenuta, se non già un brutto ricordo, almeno una crisi più gestibile e meno paurosa, ad aver catalizzato le attenzioni di istituzioni e stati. Come se tutto ciò non bastasse a inquietare i nostri animi, bisogna dar conto del ritorno della minaccia islamica che potrebbe inserirsi tra le pieghe di queste gravi crisi e colpire, con la spietatezza che abbiamo imparato a conoscere. Non si tratta solo di un’ipotesi remota, ma un paio di mesi fa, Abu Omar al-Muhajir, il nuovo portavoce dell’ISIS, ha incitato i tanti combattenti a provocare terrore e dolore contro i crociati e a vendicarsi per le morti di due illustri sceicchi, sfruttando per l’appunto le distrazioni delle fazioni del conflitto in corso. Esatto, proprio i principali protagonisti del conflitto, Russia e Stati Uniti, avevano rinnovato il proprio impegno nella lotta al terrorismo contro il fantomatico Stato islamico, colpito il 3 febbraio 2022 dalla morte del capo dell’ISIS Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi. La Russia aveva garantito il sostegno alla coalizione antiterrorismo guidata dagli USA e la collaborazione con tutti i Paesi interessati. Parole che potrebbero essere di un’epoca storica lontana, ma che in realtà sono state espresse soltanto venti giorni prima dell’inizio delle operazioni russe in Ucraina.

A focalizzare di nuovo l’attenzione sul tema terrorismo, ci ha pensato l’attentato di Oslo che ha colpito la comunita LGBT, che tra l’altro si preparava a celebrare la marcia il giorno successivo. Un norvegese di origine iraniana ha sparato uccidendo due persone e ferendone ventuno, dieci delle quali in gravi condizioni. Non si è esclusa la pista islamica, in virtù del passato dell’uomo, di una sua presunta radicalizzazione. Un uomo che era sotto la lente di ingrandimento, dunque, il classico lupo solitario che ha agito apparentemente senza complici, anche se tutto resta al vaglio degli inquirenti. Si resta ancora nel campo delle ipotesi, ma è un episodio che inquieta, proprio per la disattenzione che manifestano le Democrazie occidentali, a causa del conflitto. A motivo di una certa recrudescenza da parte dei terroristi ci sono stati, proprio in Italia, alcune operazioni antiterrorismo che confermano un certo fermento. A Genova sono state arrestate quattordici persone che facevano parte di una cellula jihadista e in Trentino due giovani incensurati hanno ricevuto un provvedimento di fermo perché indagati per associazione con finalità di terrorismo. A Roma un uomo di origine egiziana di anni 37 è stato arrestato nei giorni scorsi.

Sullo sfondo del conflitto, riemerge il pericolo islamico radicalizzato che non ha mai smesso di fare proseliti e di operare all’ombra dei grandi sconvolgimenti internazionali. Gli arresti, eseguiti nel nostro Paese, da una parte evidenziano una certa abilità e  bravura nello scovare e smantellare queste cellule che si nutrono della predicazione di tanti imam radicalizzati, d’altro fanno emergere il problema e la domanda se tutto questo lavoro basterà per sconfiggere il terrorismo islamico. Certamente l’incertezza e la frammentazione internazionale non favoriscono la lotta al nemico, anzi, inciterebbero la sua diffusione e la ribalta internazionale di nuove azioni, simili a quelle che abbiamo visto negli ultimi anni, come ad esempio l’assalto alla sede di Charlie Hebdo o la strage del Bataclan. L’educazione compie un ruolo importante, non solo quella scolastica, la quale si prodiga per il superamento delle barriere culturali e religiose, ma anche quella domestica. Non bisogna andare per forza nelle banlieue o nelle periferie dei grossi centri per averne prova. So per certo, che alcuni mussulmani mantengono una certa resistenza all’integrazione e, ancor più preoccupante, un forte odio nei confronti di cristiani e ebrei. Alcuni, per fortuna, perché  conosco tanti mussulmani integrati e disposti al dialogo, pur mantenendo la propria identità. Bisogna lavorare sugli individui deboli, ragazzi e bambini, che si alimentano dell’educazione dei parenti, che continuano a pensare che la Shoa, ad esempio, sia stata un bene. Posso assicurare di averne sentito parlare, come so di giovani mussulmani presi di mira a motivo della loro fede e delle loro tradizioni che si sono chiusi ermeticamente ed espostisi al rischio di un odio  nei confronti dell’Occidente. Prevenzione come educazione, come insegna il caro don Bosco, perché è importante intervenire sui soggetti più deboli e aiutarli a comprendere il vero della storia e la bellezza che risiede in ciascuna religione, perché il nemico, come possiamo vedere, è sempre pronto a colpire nel buio delle nostre incertezze e paure.


LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.