«La biografia è un sistema nel quale le contraddizioni della vita umana trovano la loro unità»
(José Ortega y Gasset)

Le contraddizioni della vita. «Vedo il bene e l’approvo, ma faccio il male», ha scritto così, uno che se ne intendeva…

Caro lettore, adorata lettrice,

sottoscriveresti anche tu queste parole? Quante volte ti sei detto: «So che non dovrei, ma…».

Potere di una congiunzione avversativa! A volte mi sono chiesto che ne sarebbe della nostra comunicazione, senza quel piccolo, apparentemente insignificante, ma decisivo, e talvolta capzioso, “ma”.

«Mi piaci, ma…», «Ti voglio bene, ma…», «Sono d’accordo, ma…», «Hai fatto o detto una cosa bellissima/bruttissima, ma…».

Quando insegnavo analisi testuale, suggerivo ai miei alunni di non perdere tempo a leggere ciò che c’era prima della congiunzione: il vero messaggio era quello che seguiva quel monosillabo, lì bisognava fissare l’attenzione.

Presunzione di un professore! Oggi penso che, in questo modo, ho preteso di semplificare la complessità del reale. È come se avessi detto ai miei allievi che ciò che conta è solo una parte della verità, dunque che c’è una sola verità e peraltro “avversa” a quella affermata.

In realtà, gli errori, le incoerenze, le antinomie che la vita continua a farci toccare con mano dicono ben altro. Ti mettono davanti all’evidenza che non è affatto detto che noi siamo “o” una cosa “o” l’altra. Tipo: o bianco o nero, o freddo o caldo, o dritto o storto, o vero o falso. Al contrario, la verità si rivela spesso nelle sfumature, nei contrasti, nei chiaroscuri. La verità non si pensa. Si fa e, il più delle volte, ci fa: a caro prezzo, ma anche in modo gratuito e imprevisto.

Ecco. La morale non tiene. Già è tanto provare a perseverare in una direzione. Non smarrire il senso della meta. Non perdere il viaggio.

Del resto, questo caffè è pubblicato in un magazine che porta il nome greco di Ulisse, il polýtropos per eccellenza, “l’eroe multiforme” sempre sbattuto tra Oriente e Occidente, tra il sorgere della luce e il suo tramonto, passando tra naufragi e accoglienze generose, tra il canto delle sirene, a cui resistere legato ad un albero maestro, e il desiderio del “folle volo”: sarebbe ben strano, se qui si predicasse la totalità in un frammento!

Per di più, della totalità e delle contraddizioni della vita, Hetty Hillesum ha scritto: «Le molte contraddizioni devono essere accettate, tu vorresti amalgamare tutto insieme in unità e in un modo o nell’altro vorresti semplificarle in te, così la vita diventerebbe più semplice per te, ma insomma la vita è fatta di contraddizioni, e tutte devono essere accettate come appartenenti alla vita, e non si deve mettere l’accento su qualcosa a spese di qualcos’altro. Lascia che l’intera faccenda segua il proprio corso, e potrà accadere che ancora una volta diventi una sola totalità».


FonteDesigned by Eich
Articolo precedenteL’hai mai sentito il suono delle foglie che cadono?
Articolo successivoIl coraggio di lasciar andare
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.