Tutti i motivi di una trattativa infinita e della sua brusca e felice conclusione

Linteressamento dei rossoneri per il gigante svedese risale a fine novembre-inizio dicembre, con entrambe le parti che, dopo i primi contatti, sembravano essere intenzionate a concludere la trattativa, ma quest’ultima ha invece subito un brusco rallentamento.

Tale rallentamento è stato dovuto alle ultime prestazioni positive del club rossonero nella massima serie italiana, che hanno portato la società a disinteressarsi, momentaneamente, dell’ingaggio di Zlatan, in quanto il suo arrivo, come spiegato da alcune voci autorevoli di casa Milan, era dovuto ad un’emergenza importante, che non si riteneva esistente in quel determinato periodo.

Questo pensiero è perdurato nel tempo, fino al 22 dicembre, giorno in cui si è disputato l’atteso match tra Atalanta e Milan, molto sentito soprattutto nel nord Italia.

Durante questo incontro, facente parte della 17° giornata di Serie A, la compagine rossonera guidata da mister Pioli ha subito una tragica sconfitta per 5 reti a 0, spazzando via tutto l’entusiasmo creatosi precedentemente, deludendo ancora una volta pesantemente la tifoseria e dando il via ad un vero e proprio processo, che vede tutti imputati: dai giocatori all’allenatore, alla Società.

Tra i calciatori “inquisiti” vanno ricordati: Kessiè, incolpato di aver messo un like ad un post del Papu Gomez; Leao, accusato di essere andato, dopo la sconfitta, a fare serata in discoteca, bevendo e fumando, come testimoniato dalle stories di  Instagram; e infine Calabria, reo di aver festeggiato il suo compleanno dopo la sconfitta.

Tale situazione ha spinto la società a riprendere e ad accelerare la trattativa, cambiando la proposta di contratto (colpevole, anch’essa, della fase di stallo precedente), offrendo 3 milioni per questa stagione e circa 5 milioni per la prossima, con una clausola per la prossima stagione legata ad obiettivi personali dello svedese (e non comuni conla squadra, altra causa del precedente disaccordo).

Lo svedese ha accettato la proposta ed è dunque pronto ad intraprendere nuovamente, a 38 anni, la sua carriera nel Milan, con il fine di risollevare le sorti di uno dei più prestigiosi club al mondo, un club che sta vivendo uno dei suoi periodi più bui e che merita di tornare ai vertici del calcio internazionale.

Clicca sul link per acquistare Ti racconto, se vuoi


Articolo precedenteIncontri ravvicinati di un Papa mobile
Articolo successivoLa fatica di essere uomini
Francesco Maria Cassano
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di belle ragazze e di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.