Storico direttore di produzione del Festival Castel dei Mondi, Francesco Fisfola traccia un bilancio dei venticinque anni di cultura che l’evento ha regalato alla Città, iter duro e frastagliato, un percorso ad ostacoli che sublima la locuzione per aspera ad astra

Ciao Francesco. Venticinque anni di emozioni e successi. Cos’è oggi il Festival Castel dei Mondi?

È ancora il Festival di teatro più importante di Puglia ed uno dei più importanti del Sud Italia. Un festival che rivolge la sua attenzione, attraverso lo studio e la ricerca dei nuovi fermenti culturali e linguaggi artistici sia sulla scena nazionale che internazionale, il suo sguardo e l’obiettivo finale sempre e solo verso il pubblico. In questo il Festival Castel dei Mondi è probabilmente un unicum in Italia, nonostante i budget non sempre adeguati, sicuramente uno dei pochi festival non autoreferenziali nel panorama teatrale italiano.

Qual è la maggior difficoltà nell’organizzazione di un evento internazionale di questa portata?

La burocrazia. È un Festival che è di proprietà di un ente locale, e in questi tempi non è una gran fortuna, poiché le risorse pubbliche periferiche sono sempre più esigue ovunque e quindi diventa sempre più difficile programmare per tempo e con certezza. Averlo portato alla XXV edizione è stato un lavoro faticoso e complicato di cui la Città deve essere davvero fiera. Rimane un biglietto da visita ineguagliabile di cui bisognerebbe essere più consapevoli.

Oltre ad assistere numerosa agli spettacoli in programma, in che modo la cittadinanza può sostenere la sopravvivenza della kermesse?

Acquisendo quella consapevolezza che restituisce quel sano orgoglio che solo il riconoscimento identitario sa trasmettere. Il Festival è un pezzo di città, uno dei più belli, uno dei migliori.

Cosa riguarderà l’upgrade del Festival nei prossimi venticinque anni?

La certezza, innanzitutto, prima ancora che i fondi. Debbo ripetermi, avere il tempo necessario per programmare un percorso che delinei delle direttrici di sviluppo al passo con quelle Internazionali, sottrarlo alla fragilità dei bilanci pubblici, attraverso una fondazione per la cultura, ad esempio, in cui la città di Andria mantenga certamente la titolarità del brand e la sua presenza, potrà garantirgli lunga e prosperosa vita, indipendentemente da chi avrà la fortuna e la responsabilità di condurlo, per consentirgli  di continuare ancora a volgere il suo sguardo alla ricerca di quel che sta per accadere.


Articolo precedenteAvere vent’anni nell’Afghanistan perduto
Articolo successivoIn memoria di don Vittorio Peri
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Puglia, ho iniziato a raccontare avventure che abbattono le barriere della disabilità, muri che ci allontanano gli uni dagli altri, impedendoci di migrare verso un sogno profumato di accoglienza e umanità. Da Occidente ad Oriente, da Orban a Trump, prosa e poesia si uniscono in un messaggio di pace e, soprattutto, d'amore, quello che mi lega ai miei "25 lettori", alla mia famiglia, alla voglia di sentirmi libero pensatore in un mondo che non abbiamo scelto ma che tutti abbiamo il dovere di migliorare.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.