“Non siamo altro che lo specchio del mondo. Tutte le inclinazioni presenti nel mondo esterno sono da ricercare nel mondo interiore. Se riusciamo a cambiare noi stessi, anche le inclinazioni del mondo esterno cambiano. Quando cambiamo la nostra natura, l’atteggiamento del mondo cambia. Questo è il mistero Divino supremo. E’ una cosa straordinaria, è la fonte della Felicità. Non abbiamo bisogno di aspettare e di vedere cosa fanno gli altri…”

(Gandhi)

Tutto è racchiuso nella potente essenza di questa parola, Amore…

Tutto, ogni cosa, ogni evento, ogni situazione, ogni incontro, ogni persona… parla d’Amore.

L’Amore cui mi riferisco è l’amore vero, quell’amore che nutre, cura, sostiene, incoraggia, un amore incondizionato, che è compassione, comprensione, perdono, luce, energia, gioia, armonia, fiducia, leggerezza, verità, onestà… responsabilità.

Questo Amore esiste, è dentro noi, è ovunque, è infinito.

La trasformazione è nel percepire la sua Immensità, dare attenzione e valore, percepire il suo fluire e credere nella sua forza, unica energia a poter sconfiggere il male, a sopravvivere alla morte, l’Amore vero è per sempre.

Invito a riflettere su questo. Col Cuore.

A ricordare le sensazioni fisiche, corporee, interiori che si provano quando si ama, quando ci si sente amati, quando si vive un momento di gioia, un successo, un’emozione, quando si prova meraviglia, quando si sorride, si gioca, ci si appassiona, quando si balla, quando si canta… tutto questo e molto altro, è Amore!

Un sentire accessibile ad ognuno, nessuna divisione, nessuna separazione, non conta l’età, la condizione, il ruolo, il potere… l’Amore esiste.

Non si riesce a sentire quando sono chiuse le porte del Cuore, quando non si lascia scorrere quella linfa vitale. Si è ombrosi, cupi, tristi, bramosi, invidiosi, inquieti, insofferenti, smaniosi, concentrati solo sull’ego, un corpo rigido, una mente pesante, la gabbia interiore impenetrabile… un motore spento. Si sta male, si può fare male.

C’è un gran parlare di crisi, di un mondo che va a rotoli, di una realtà fatta di persone cattive, egoiste, prepotenti, di relazioni che offendono, danneggiano, appesantiscono. Infinite polemiche, continui lamenti, parole superficiali, pensieri ingombranti, azioni casuali. Stessa trama, stesso copione, medesimo schema, la trappola.

Eppure quel mondo siamo Noi, ciascuno di noi, dal più piccolo al più grande. In quel dire, in quelle accuse, in quei giudizi ci siamo noi, tutti. Dimentichiamo facilmente che c’è tanto altro, il senso profondo del vivere in modo sano è alimentato da belle emozioni, dalla mutabilità della natura, dalla vastità dell’arte, dalla fluidità, dall’armonia, dall’accoglienza, atteggiamenti che creano una realtà migliore.

E se provassimo ad invertire rotta? Se provassimo tutti a cambiare, ad essere consapevoli del potere che abbiamo di creare la realtà in cui viviamo. Se imparassimo ad usare parole costruttive, avere pensieri positivi, fare cose nutrienti, a costruire più che a distruggere, se iniziassimo nel nostro piccolo a trasformare qualcosa di noi in meglio, abitudini, consuetudini, schemi mentali, attaccamenti…

Iniziando dalla relazione amorosa con noi stessi, trovando giovamento nelle relazioni fuori, aprendo e accogliendo l’altro, tornando a valori semplici ed essenziali quali cortesia, gentilezza, educazione, onestà, solidarietà, generosità. Solo così, con l’impegno di ognuno, può prendere origine la vera svolta, può nascere una Società nuova e realizzarsi una ri-nascita individuale prima, collettiva poi, che tutti lamentano e che pochi si impegnano a costruire.

Si può scegliere, possiamo scegliere, è possibile cambiare. Un piccolo, silenzioso, discreto cerchio nell’acqua da cui si propagano altri cerchi e altri ancora altri… così si cresce, si trasforma, si evolve, nella restaurazione del mondo interiore e nella ricostruzione di quello fuori. Uniti, insieme… nell’Amore vero!


Fontepixabay.com
Articolo precedenteSchiavitù 2.0: in attesa del prossimo telegiornale
Articolo successivoLa Direttiva Bolkestein, pregi e difetti.
Annalisa Lullo
Ciao sono Annalisa giornalista ed esperta di comunicazione e mediazione culturale. Collaboro da anni con la Rai, redazione e collaborazione ai testi. Mi occupo di cultura, sociale, benessere della persona e di tanto altro. Scrivo per magazine on-line e quotidiani locali. Sono una persona curiosa ed un’attenta osservatrice di tutto quello che mi circonda, è la quotidianità e l’emotività che fanno di me una ‘scrittrice di pancia’. Scrivere per me è vitale, uno sfogo, un sostegno, un modo per esprimere la mia interiorità, sensazioni, emozioni di ogni giorno…che spesso e volentieri condividerò con voi. Buona Vita