Una poetessa a lungo dimenticata

Fernanda Romagnoli (1916-1986) considerata una delle più grandi voci del Novecento italiano, è stata lungamente dimenticata.

La sua prima raccolta viene pubblicata nel 1943. In essa la poetessa rivela il suo autentico bisogno di percepire le cose in una prospettiva “diversa”

“…odo antiche parole

rinascer lievi come piume nuove”

(Campane e fontane)

l’andare oltre verso l’Altrove

“…dove il mare respira con la luna,

dove la via del libero infinito

è facile a salir, come nessuna”

(La rondine)

trovando conforto e forza nella religiosità della sua anima scovando, così, una via d’uscita da formule rigide a cui lei sembra refrattaria.

La seconda raccolta esce nel 1965, qui i versi acquistano una maturità più spiccata e ne intensificano la sua presa di coscienza della propria diversità e il suo desiderio di mettere le distanze da tutto ciò che non è autentico.

“…la colomba dell’alba sulla riva

nell’occhio roseo decifrò me sola

che non avevo ballato”

(Lungamente)

L’inautentico che aborra e da cui si allontana sentendosi un’estranea “ io quella donna dall’anima dimessa/dicono che son io” (Io) immaginando di poter succhiare come un’ape il polline della vita affinché ciò che muore possa rinascere in altre forme:

“…Lente alla ringhiera

stanno le rose-ansiose di sfiorire-

e invocano il pugnale delle vespe.

Ma Iddio manda fra loro

un’ape che ne serbi la memoria

quando il morto rosaio non sarà

che una corona di spine” (Rosaio).

La terza raccolta Confiteor del 1973 è un libro di confessioni a tutto campo, qui la Romagnoli scandaglia i lati più contraddittori, passionali e vacillanti della propria storia intima. Tutto questo meravigliosamente racchiuso nei versi di una tra le sue poesie più belle: Stigmata

“Qui dunque fui bambina. Alla marina

crescevo accanto: l’anima digiuna

d’ogni perché – famelica altrettanto.

Gigli ad oriente, la riva era una spada.

Stupendo sacrilegio imporvi un segno

– l’arco del piede – premere col viso

La freschezza deposta dalla luna.

Il mare straripava nel sereno

a livello dei cigli. Ah, la bellezza

che pativo, non mia, che mia stringevo

in quel primo singhiozzo di creatura

che s’arrende all’immenso – era già il pegno,

la stigmata che in me sfolgora e dura.”

Lei, nei ricordi di bimba, si estranea e ritrova quella fiducia infantile in quel che sarà e che, invece, si rivelerà in modo totalmente diverso: una vita di madre, moglie e poetessa che non saprà mai conciliare, una realtà familiare quasi subita, in cui la Romagnoli sente attorno a sè i duri confini che la vita le ha alzato attorno.

Per non perdersi, per ritrovare se stessa e per comprendere il senso della propria vita, rivolge al suo Dio la sua preghiera in modo accorato:

“…Ma Tu, dovunque effuso ad ascoltare,

presente ma nascosto,

zitto come l’uccello avanti l’alba:

non dove sei-rivelami ov’io sono.

Mio Dio, se t’abbandono

io sarò abbandonata”

(Preghiera)

Il libro-testamento appare nel 1980, Il Tredicesimo Inviato. Qui la poetessa ha riportato le sue angosce, i suoi turbamenti e il tempo che fugge inesorabile ma in modo più attento, rifinito, un’attenzione dolce verso la poesia considerata come la via preferenziale per raggiungere la verità e la salvezza:

“…Il mio poco darei

per un unico verso che resti

testimonio di me,

un attimo posato sulla terra

-lieve-come un coriandolo

di questi”

(Carnevale)


FontePhoto by Nico Meier on Unsplash
Articolo precedenteLa vocazione della famiglia in Amoris laetitia
Articolo successivoTonino Abbattista
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.