«Considerate la vostra semenza: 
fatti non foste a viver come bruti, 
ma per seguir virtute e canoscenza»

(Inferno, XXVI, vv.118-120)

Canto ventiseiesimo, il canto di Ulisse: proprio così, non lo conosciamo in altro modo. Come per Paolo e Francesca, non siamo più all’inferno. Lì, nel Quinto, c’era la celebrazione dell’Amor ch’a nullo amato amar perdona, qui, c’è il trionfo della sete, che è sete di conoscenza.

Sì è vero, siamo nell’ottava bolgia dell’ottavo cerchio, dove, in lingue di fuoco, vengono puniti i consiglieri fraudolenti, ma nessuno se ne ricorda: perché l’Ulisse di Dante non è il mero polytrophon (“versatile”, ma anche “dalle mille facce”…) di Omero, che viaggia dal noto all’ignoto in una eterna altalena che lo condurrà, una volta a casa, a far strage di Proci; e non è neppure il disorientato ondivago di Joyce, allegoria profetica dell’uomo contemporaneo; casomai, è il coraggioso eroe di Saba che, pur anziano, sfida le acque più perigliose, quelle che gli altri non osano, ma Nessuno

«Il porto
accende ad altri i suoi lumi; me al largo
sospinge ancora il non domato spirito,
e della vita il doloroso amore».

E, di grazia, non venite a volermi confondere con commenti bigotti che accomunano tanto gli ultraortodossi quanto gli ultralaici: che il “volo” di Ulisse sia stigmatizzato come “folle” (v.125) e finisca in un naufragio, non sposta di una virgola la nostra ammirazione per lui. Non sposta di una virgola l’ammirazione che Dante ha per il suo Ulisse e che trasuda ad ogni terzina. Anche un cieco sarebbe in grado di vedere che, in realtà, Dante è Ulisse e Ulisse è ciascuno di noi. Lo è, lo siamo, nella misura in cui siamo divorati dalla brama di sfidare ciascuno le proprie Colonne d’Ercole.

Ce l’ha insegnato anche Leopardi: si ha una sete infinita di piacere, alla pecora sola basta il suo pascolo. Qui diciamo: si ha una sete infinita di conoscere, siamo fatti di sete, siamo polvere di stelle, intrecciati di desiderio, de-sideribus, dalle stelle…

Solo l’Infinito ci acquieta, quale che sia il modo che ognuno di noi ha di concepirlo. Solo il desiderio di conoscere è degno dell’uomo e della donna. Misero colui che si sente “arrivato”. Beato colui che si sente così povero da mendicare conoscenza.

Kahlil Gibran: «Quando avrai raggiunto la tua altezza, ancora proverai desiderio del desiderio; e avrai fame della fame, e avrai sete di una sete più grande».

Lev Tolstoj: «Per vivere con onore bisogna struggersi, turbarsi, battersi, sbagliare, ricominciare da capo e buttare via tutto, e di nuovo ricominciare e lottare e perdere eternamente. La calma è la vigliaccheria dell’anima».

Primo Levi: «Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario».


FonteDesigned by Eich
Articolo precedenteMaggio, il mese suo..
Articolo successivoSeme d’Infinito e buio d’Abisso
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.