La vita non è un museo…

“Prima di partire per un lungo viaggio, devi portare con te la voglia di non tornare più”: così cantava Irene Grandi diversi anni fa. E in questo tempo di partenze (e, si spera, ripartenze) la frase mi sembra particolarmente appropriata.

Certo, sono parole forti, quasi violente: chiedono che la tua unica, reale casa sia la strada e che il tuo equilibrio impari ad avvalersi del cambiamento; chiedono di rivedere le stigmatizzazioni di certi status, secondo le quali “alcuni” sono chiamati, per particolare vocazione, a “partire, lasciare tutto e andare”. Direi che l’uomo, tutto l’uomo e tutti gli uomini sono fatti per questo. Direi che ogni persona desiderosa di crescere e dare il meglio di sé, prima o poi deve partire. Vicino o lontano, pure dietro casa, ma deve “dividere in parti”, come la parola suggerisce. Cosa? Roccaforti di certezze, pretese, comodità: dividere per scandagliare ciò che davvero occorre tenere e coltivare. Il troppo e il tutto, si sa, sono deleteri, pesanti fino a impedire il movimento.

E a tal proposito mi veniva in mente un’altra bella parola, che racconta le partenze coraggiose: salpare. Probabilmente legata al latino exherpare, ossia “uscire dal porto”, essa è collegata ai verbi greci exérpein, col medesimo significato, ed exarpàzein, “strappare”. Perché per uscire dal porto, occorre tirare su dall’acqua l’àncora, strapparla via dal fondo in cui è immersa. L’àncora è un simbolo di salvezza, è la stabilità di cui tutti abbiamo bisogno, è la speranza di poter mettere radici, è sicurezza tra le correnti. Ma la parola dice anche altro: hanc horam, ossia “quest’ora”, dunque “è il momento, vai, puoi farcela, sei fatto per scoprire un sacco di cose belle”.

Quando, però, ci si rifiuta di lasciare il porto sicuro e affrontare il mare aperto, allora significa che la comodità, o certi insani attaccamenti, sono considerati più vitali del futuro, che l’àncora è diventata più importante della vocazione della barca. Così, in quell’immerso, restano sommersi assieme ad essa il coraggio, l’energia, il desiderio, la curiosità. E si resta adagiati sulla superficie, nella calma che spesso è una scusa per rimandare, allungare i tempi, procrastinare le decisioni, non cogliere l’attimo, non cambiare, in un lunghissimo, eterno “ancóra” che fa dell’àncora una pericolosa zavorra. Incredibile, un accento e tutto cambia!

Gli strappi sono dolorosi, questo è sicuro. Non si tira mai un’àncora a cuor leggero; non si salpa mai come se nulla fosse; non si parte mai con una gioia univoca e totalizzante. Certi strappi vanno addirittura evitati, come quelli nelle vele. Ma non è questo il caso, qui si parla di varchi vitali, non di brecce pericolose.

La cosa curiosa è che strappare via l’àncora non è solo un’azione faticosa dal basso verso l’alto; c’è dell’altro. Essa smuove il sommerso in orizzontale, lo spinge ad allargarsi, a rimescolarsi e a prendere parte a quello che accade fuori. Con l’àncora salgono su forze preziose, mentre tesori e perle di inimmaginabile valore trovano nuova collocazione sul fondale. Diversamente tutte queste cose rischiano di restare sepolte e di morire di sterile fissità.

Non si vive di sola interiorità: la profondità, del mare e del cuore, va mossa e messa in disordine di tanto in tanto, soprattutto va aiutata a mettersi in collegamento con la superficie e con il mondo esterno, così da diventare energia e dono, per sé e per gli altri. Per cui, di tanto in tanto, quando arriva l’ora, bisogna salpare, bisogna partire. Affetti, famiglie, radici, valori, ideali, ricordi vengono con noi e trovano nuova collocazione dentro di noi, quando l’àncora sale e permette di salpare. Se la paura dello strappo e la pigrizia del cambiamento, invece, frenano, allora essi resteranno reperti sommersi, belli da vedere, appena emozionanti.

Ma questo è museo, non vita. E la vita ha altre esigenze, perché ha altre bellezze.


FontePhotocredits: Roberto Strafella
Articolo precedenteLa stupefacente maternità di Stella Addario
Articolo successivoIl “Trenocelle”, il gelato tipico andriese da passeggio
Michela Conte
“Ecco la grande attrattiva del nostro tempo: penetrare nella più alta contemplazione, e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo” (Chiara Lubic): sono una studentessa specializzanda in antropologia teologica presso la Facoltà Teologica Pugliese, con una grande passione per la vita e per le persone! Sono fermamente convinta, infatti, che i limiti di questa esistenza irripetibile rechino in sé una bellezza straordinaria e una reale possibilità di compimento. Per questo, da anni, scrivo: per cercare di dare voce a tale bellezza …e contemporaneamente per rendermi conto che non tutto può essere adeguatamente espresso, che a un certo punto è necessario fermarsi di fronte a questo mare sconfinato e misterioso che è la persona, un mare in cui, nonostante tutto, “è dolce il naufragar”. Per Dio. Per l'uomo stesso. Per me.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.