Un saggio di storia locale di Sandro Ferri, che sarà presentato nella Cattedrale di Andria, venerdì 29 aprile, alle 19.30.

Un saggio di storia locale di Sandro Ferri, che sarà presentato nella Cattedrale di Andria, venerdì 29 aprile, alle 19.30.

I domenicani ad Andria è un libro che, come è facile evincere dal titolo stesso, cerca di ripercorrere la presenza domenicana ad Andria, soprattutto in età moderna allorché i domenicani custodivano lo studium generale, cioè uno studio formativo che da quanto emerge dalla ricerca in questione contribuì a formare anche il clero andriese.

L’autore Sandro Ferri ha potuto mettere a frutto il lavoro svolto per la sua tesi di laurea, che nel 2015 ha anche vinto il primo premio nella sezione generale “premio di laurea città di Andria”. Con passione e rigore scientifico, egli ha svolto un ammirevole sforzo di ricerca e documentazione, nell’intento di approfondire gli eventi dello studium e gli intrecci che hanno concorso a portare nella città di Andria, in età moderna, un ente di formazione universitaria. Al contempo ha approfondito i motivi per cui lo studium fu soppresso dalla suddetta città per essere trasferito in altra sede, documentando le sue tesi con argomentazioni chiare e inappuntabili.

Se si può dire che l’autore abbia approfondito abbastanza gli eventi dello studium domenicano basandosi soprattutto sui capitoli generali e alcuni documenti inediti, non si può dire allo stesso modo che abbia approfondito gli intrecci della vita dello studium con la storia generale della chiesa e della società dell’epoca: questo più per la difficoltà di reperire, fino ad oggi, documentazione adeguata che per scelta dell’autore. Inoltre sembra che siano stati toccati altri argomenti che meriterebbero maggiore acribia da parte dello studioso, esempio ne è l’integrazione che la diocesi andriese ebbe con il territorio di Montescaglioso e Montepeloso, oggi Irsina, sotto i duchi Del Balzo. Certo, quello che non è stato analizzato oggi potrebbe esserlo in futuro e comunque il testo qui recensito costituisce già un ottimo punto di partenza per ricerche future.

Inoltre interessante è anche la presenza dei vari domenicani andriesi e non che emerge da questo studio fungendo quasi da corredo alla vita dello studium e del convento andriese la cui importanza, qui il maggior pregio di questo libro, emerge con tutta la sua importanza e significatività per la storia locale.

Un libro, in definitiva, che, per quanto possa presentare alcune lacune in campo storico, merita senza dubbio una attenta lettura per le novità che apporta nel contesto storico locale e per la curiosità che è capace di suscitare nel lettore. Del resto, come recita un antico adagio, “curiositas incipit sapientiae”: la curiosità è la porta di ingresso della sapienza.

“I domenicani ad Andria in età moderna” sarà presentato ad Andria, venerdì 29 aprile, alle ore 19:30.

Oltre all’autore, don Adriano Caricati, dottorando in Storia della Chiesa, e fr. Giampaolo M. Pagano O.P., reggente della Provincia S. Tommaso d’Aquino d’Italia;

La presentazione avverrà presso la cappella del Ss. Sacramento della Cattedrale di Andria, P.za Duomo 25.


Articolo precedentePremier League: vince il telecomando
Articolo successivoExcursus nel Mito
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...