È quanto emerge da un recente studio, proveniente dall’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, per il Progetto EUROPE SEEDS – NextGenerationEU

A più di due anni dallo scoppio della pandemia da covid-19, la tematica resta più che attuale, con l’imperversare della variante omicron 2 nel Belpaese.

L’Università di Bari ha deciso di aderire al Progetto EUROPE SEEDS – NextGenerationEU, finalizzato allo sviluppo di materiali e soluzioni tecnologiche, atti a diminuire la persistenza del SARS-CoV-2, ed al suo monitoraggio bioelettronico.  Alcuni ricercatori dell’Università, coordinati dal prof. Nicola Cioffi (ordinario del Dipartimento di Chimica) e dalla prof.ssa Maria Chironna (ordinario di Igiene e responsabile del laboratorio Epidemiologia molecolare del Policlinico di Bari) hanno realizzato un materiale molto efficiente che permette l’inattivazione del virus su superfici di contatto, contribuendo alla diminuzione della possibilità di contagio. Si tratta, in particolare, di nanoparticelle di ossido di zinco (ZnO), di forma e dimensione differenti. Si tratta di un materiale sviluppato in laboratorio tramite una metolodia green, già utilizzato nei campi della cosmesi e dell’industria alimentare. Dunque, tali nanoparticelle sono state utilizzate per la realizzazione di sottili film per rivestire superfici di contatto frequente (ad esempio pomelli e touch screen). Queste, se contaminate, possono essere la causa della trasmissione del virus, nel momento in cui, successivamente al contatto con esse, vengano toccati occhi, naso o bocca senza che sia avvenuta la disinfezione delle mani. Grazie a tecniche analitiche avanzate di caratterizzazione spettroscopica e morfologica dei nanomateriali e dei film sottili è stato possibile razionalizzare l’efficacia del materiale sui virioni, ad opera del rilascio di ioni zinco (Zn2+), che bloccano il ciclo vitale del SARS-CoV-2.

Lo studio, che ha come protagoniste principali due giovani ricercatrici del Dipartimento di Chimica dell’Università di Bari, le dottoresse Margherita Izzi e Maria Chiara Sportelli, è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica “International Journal of Molecular Sciences”.


FontePhoto by CDC on Unsplash
Articolo precedenteSperanza, oppure utopia?
Articolo successivoMobilità Erasmus+: il CPIA BAT “Gino Strada” si apre all’Europa
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.