Giorno Meno Quattordici

Caro Odysseo,

Proprio quando la navigazione filava liscia e Itaca era quasi visibile all’orizzonte, ecco che qualcuno ha aperto l’otre e ha scatenato i venti del dio Eolo per riportarci alla deriva.

Si era tutti un po’ più speranzosi dopo la decisione della Corte Suprema di riaprire il Parlamento per non rallentare i lavori in corsa verso il 31 ottobre. In molti abbiamo pensato che tutto ciò servisse a scongiurare una volta per tutte il pericolo Brexit.

Invece no, i venti avversi hanno preso a soffiare e sembra sempre più plausibile che la Brexit si realizzi, o peggio, che si arrivi al 31 ottobre senza accordo e che semplicemente si scateni il caos.

Una parte di me è convinta che nel caso l’UE decida di estendere ulteriormente il termine per trovare un accordo, questo possa andare avanti a oltranza all’infinito così che la Brexit non si realizzi mai. Tuttavia, questo manterrebbe l’economia del paese in perenne bilico; non esattamente ciò che ci si aspetta dal Regno Unito.

Come sempre, la situazione è spinosa, ma ciò che risulta incredibile è la cocciutaggine del governo. Anche se per miracolo l’UE accetti il nuovo accordo, questo deve passare anche nel Parlamento britannico, ma non c’è verso che si riesca a mettere insieme una maggioranza. Per non parlare del fatto che la maggior parte dei cittadini non vuole più sentir parlare di Brexit, di accordi e di Boris.

La gente è esausta, si respira tensione e certamente la Brexit non è un tranquillo argomento di discussione da intraprendere con i colleghi in ufficio, al pub o sui mezzi pubblici. Le proteste continuano e a questo punto non c’è soluzione che non scontenti una fetta del paese. La prospettiva di rivolte e tumulti sembra sempre più inevitabile; resta solo da capire quale sarà la fazione a dover scendere in campo, se i sostenitori della Brexit o le persone normali.

A presto, Odysseo, con altre notizie da questo fonte un po’ borghese.


Articolo precedenteUn modo per vedere l’infinito
Articolo successivoKUM! Festival
Chiara Pistillo
Studentessa di lingue straniere presso l'Università di Bari. Nata ad Andria. Porto il conto degli anni dal '94 e da grande voglio fare la viaggiatrice. Cerco di capire come si sta al mondo leggendo tra le righe dei libri. Affronto la vita armata di penna, ma a volte anche di forchetta. Il lato leggero delle cose non è per forza il più semplice da capire, quindi ho sempre la risata pronta.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.