Quello di Pino Roveredo

Ci vorrebbe un sassofono quando le bave dell’attesa sembrano ingoiarsi l’esistenza, quando la nausea scuote la gola e succhia lo stomaco, quando le ore si moltiplicano per una stanchezza infinita.

Ci vorrebbe un sassofono quando la rabbia odora di malattia in un silenzio senza equilibri mentre il vento soffia per far scavalcare il grigio eppure il mare è così lontano da non poter abbracciare la pelle.

Ci vorrebbe un sassofono quando gli occhi non si asciugano e il pianto è bestemmia, quando il sorriso è una parentesi di coraggio, quando il per sempre nella buona e nella cattiva sorte è una sinfonia mal riuscita.

Mi piace introdurre così il romanzo Ci vorrebbe un sassofono, edito da Bompiani e scritto da Pino Roveredo, autore con numerose pubblicazioni in attivo e sempre attento agli ultimi negli ospedali psichiatrici, così come ai tossicodipendenti, rivelando una notevole profondità e nobiltà d’animo.

Claudia, la protagonista, si ritrova ad assistere il marito Enrico, da cui è separata, ricoverato in gravi condizioni. C’è chi parla di dovere morale e chi, come la figlia Giada, da sempre infilata nella protezione e adorazione paterna, le impone di farlo. Quanto è ingiusto e faticoso l’amore di madre quando i punti di domanda sono smarrimenti del petto e la dignità è il legame continuo con il dolore.

La vita strangola, condanna, ansima nei residui di un affannoso respiro, fra quattro mura e bip senza pausa, martellanti come chiodi nel cervello in un girotondo di memoria senza restrizioni. Il letto dell’urgenza da un lato e una squallida storia d’amore o non amore dall’altro: si può impazzire di questa maledetta infelicità, si può morire dentro per i temporali della verità quando l’esigenza dovrebbe essere un nuovo inizio senza più bugie e tradimenti. La menzogna è l’arroganza di chi non sa concedersi diversamente scegliendo l’agonia delle debolezze.

L’autore ci insegna che bisogna sognare sogni veri e non fabbricare sconforti e che la bellezza non ha bisogno di parole inutili ma di essenzialità aggiustando i tempi, gli sguardi, la paura di non sentirsi adeguati.

Claudia incassa l’amarezza della memoria specchiandosi in un passato con cui urge un confronto. Quanto grande è lo strappo che lascia chi brucia un amore portandosi via il cuore, la felicità e la voce di chi davvero ama?

Quando nasciamo tutti, indistintamente, abbiamo a disposizione mille abbracci, e quando e se li terminiamo, possiamo raccogliere nell’aria quelli distratti che non sono stati mai consumati.

Claudia ripensa spesso agli abbracci sparsi e seminati nella vita, a quelli cresciuti, a quelli che sono morti per la mancanza di un intreccio con la voglia dello scambio, a quelli dati con cuore senza ritorno. La rigidità di Enrico e la stessa rigidità di Giada le piegano il cuore senza scuse mentre la notte schiaffeggia e insulta.

La vita deve essere necessariamente un risveglio, una domenica di sole, una musica dondolante, il miracolo di una rivoluzione, il fuoco di una protesta fuori da una stanza di emergenza. Una boccata di fumo oltre il rumore molesto delle macchine, un caffè bollente e la malattia della tristezza nell’immobilità di ogni dispiacere: l’autore analizza con abilità chirurgica la saturazione di una donna che vorrebbe ballare sulla musica del vento, scavalcare le nuvole, toccare il sole e mangiare le stelle prima che diventino bugie.

Il lettore è piacevolmente travolto da ogni trapasso luce-ombra e viceversa accompagnando il vuoto e il sassofono. Ci sono storie scritte dalla parte sbagliata e momenti di beatitudine: rassegnarsi alla tristezza non è una soluzione.

Imagine there’s no heaven

It’s easy if you try…

La vita gira intorno, le parole non parlano, la libertà è leggera, più del sogno di una vittoria.


Articolo precedenteTutti cerchiamo la verità
Articolo successivoLeggere leggère lettere
Angela Aniello
Angela Aniello è nata a Bitonto nel 1973, si è laureata in Lettere classiche e dal 1998 insegna nella scuola secondaria di primo grado. Da tempo si dedica alla scrittura come vocazione dell’anima. Ha pubblicato nel 1997 il racconto “Un figlio diverso” edito da Arti Grafiche Savarese e, nel 2005, ha pubblicato anche una raccolta di poesie dal titolo “Piccoli sussurri” edito da Editrice Internazionale Libro Italiano. Ha vinto il concorso nazionale Don Tonino Bello nel 1997 e nel 2004, ha conquistato il secondo premio a un certamen di poesia latina, Premio Catullo ad Acerra (Na) e nel febbraio del 2006 è arrivata il suo quarto premio al concorso di poesia d’amore Arden Borghi Santucci. Quest’anno (precisamente a giugno 2018) ha vinto il terzo premio di poesia e il primo premio per il racconto “Anche la paura puzza” al Concorso “La Battaglia in versi”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.