[highlight ]Articolo sponsorizzato[/highlight]

Quasi quarant’anni di storia alle spalle, un’attività voluta fortemente da mamma Lena, e ora Bolle Bleu si apre alla sua terza generazione.

In tempi in cui la parola crisi ci è ormai divenuta familiare ecco una famiglia che la crisi l’ha sconfitta: quattro fratelli, Michele, Nicola, Mario, Vincenzo, e le rispettive mogli, Antonietta, Gianna, Enza, Raffaella. E poi c’è lei Lella, l’unica figlia femmina di Giuseppe e Lena, i due patriarchi da cui questa magnifica storia ha avuto inizio. Proprio a Lella abbiamo chiesto di raccontarci la storia di Bolle Bleu. È una storia lunga. Ve la racconteremo a tappe.

Allora, Lella, la prima domanda è d’obbligo: come nasce Bolle Bleu?

A dire il vero, la storia nasce prima di Bolle Bleu: al termine della seconda guerra mondiale, mio padre e mio zio avviarono un’attività commerciale da venditori ambulanti. Per quasi vent’anni, spingendo un carretto, vendevano roba da corredo e abbigliamento girando per tutti i paesini della Lucania. Ricordo che da bambina vedevo mio padre ogni due settimane: avevano una Balilla, ma allora viaggiare era meno agevole di oggi e così mio padre e mio zio avevano una casa d’affitto in Basilicata e venivano a turno ad Andria ogni fine settimana.

12654510_665436350262229_5581495912638372916_n

Quindi i tuoi fratelli hanno iniziato come venditore ambulanti?

Sì. A cominciare dal maggiore, Michele e poi, a mano a mano, tutti gli altri. Un’attività che fa parte della loro pelle e che non hanno mai avuto lasciare. Solo che a un certo punto…

Ad un certo punto, facciamo un salto nel tempo: un bel dì, mamma Lena si impose…

Esatto. Eravamo nel 1978. Ormai tutti i miei fratelli lavoravano con mio padre che è sempre vissuto per tenere la famiglia unita. In quell’anno, mia madre lo convinse a realizzare un suo vecchio sogno: volle a tutti i costi che aprissimo un negozio di abbigliamento per bambini e volle che soci ne fossero tutti i fratelli, me compresa. E così nacque Bolle Bleu, che all’inizio si chiamava Personal Bimbi. Una storia fatta di passione, unione e ricerca ossessiva della qualità. Quella storia, fino ad oggi, non si è più interrotta. Anzi: via via che i miei fratelli si sono sposati, in società sono entrate le loro mogli, rispettivamente, Antonietta, Gianna, Enza e Raffaella.

12592677_662294257243105_153954369575972730_n

Gli anni passano e Michele, Antonietta, Enza sono ora in pensione. Spazio alle nuove leve?

Proprio così. Bolle Bleu è ormai alla sua terza generazione e vede protagonisti i nostri nipoti Giuseppe, Magda, Peppe Quarto, Domenico. Altri hanno scelto altre attività o, come Giuseppe senior e Pasquale, dopo un periodo in cui sono stati con noi a “farsi le ossa”, hanno preso il volo, pur restando nel settore dell’abbigliamento.

12439224_658042181001646_326332225663823088_n

Prima di lasciarci, un consiglio per le scelte di primavera?

Quest’anno ci sarà un’esplosione di colori: giallo, arancione, rosso, fantasie floreali. Insomma: sarà primavera nell’aria e primavera sulla pelle. Vi consigliamo di venirci a trovare. Bolle Bleu e Bolle Bleu teenager offrono una gamma vastissima di griffe, per tutti i gusti e … per tutti i colori.


Articolo precedenteLa Settimana Santa a Cagliari
Articolo successivoCome lavorano le donne negli opifici andriesi
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…