Piantati tre lecci per onorare la memoria dei tre studenti dell’ITIS “Jannuzzi”, vittime della strage dei treni, quel 12 luglio 2016, ad Andria

Una cerimonia mai retorica e di grande intensità emotiva ha accompagnato, stamane, nell’Aula Magna “Ing. Giuseppe Valente” dell’Istituto Tecnico Industriale “Sen. Onofrio Jannuzzi ” di Andria, la cerimonia commemorativa dedicata ai tre studenti dell’Itis, Antonio, Francesco e Gabriele, deceduti nel tragico incidente ferroviario Andria-Corato del 12 luglio 2016.

Il ricordo dei tre studenti è stato affidato alle parole dei loro genitori, dei loro professori, del Dirigente scolastico, prof. Giuseppe Monopoli, del Consiglio Comunale di Andria con il Presidente, dr. Giovanni Vurchio, dell’Amministrazione Comunale con l’assessore alla Pubblica Istruzione, dott.ssa Dora Conversano, del Sindaco di Corato,prof. De Benedictis, dei rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato. Tutti hanno ricordato quelle ore drammatiche del 12 luglio, tutti hanno invocato, prevenzione e sicurezza.

Il ricordo si è poi materializzato con la consegna delle targhe ricordo alle famiglie, con la intitolazione di tre laboratori e la piantumazione di tre alberi, tre lecci, nel giardino dell’Istituto, accompagnata dalla citazione aristotelica della ghianda che tiene dentro la quercia che verrà, come esempio di memoria perenne. Bellissimo anche il gesto delle tre famiglie che, pur piegate dal dolore, un dolore sempre vivo, hanno donato all’istituto un defibrillatore e hanno condiviso, con parole semplici, ma profonde, tutto quello che è accaduto in questa mattinata speciale.

“Una cerimonia all’insegna della sobrietà, della semplicità e del raccoglimento – ha detto il prof. Monopoli – così che la memoria dei tre studenti rimanga sempre viva nella nostra comunità scolastica”.


Articolo precedenteTaverna Dante – Inferno, Canto XXXIV (nona puntata)
Articolo successivoFuggire la virtù (Purgatorio, XIV)
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…