Giunto alla sua XVIII edizione, sviluppa i temi legati alla qualità ambientale, sicurezza del territorio e gestione sostenibile delle risorse

Formare professionalità operative nel campo della tutela e della valorizzazione del territorio e dell’ambiente. Sono questi gli obiettivi del master annuale di secondo livello in “Pianificazione Territoriale e Ambientale” del Politecnico di Bari, giunto quest’anno alla XVIII edizione, tanto da essere il più longevo tra quelli presenti al Poliba. Unico in Puglia, ha specializzato oltre cento laureati, prevalentemente ingegneri e architetti. Le figure formate dal master sviluppano competenze nel campo della mobilità sostenibile, della riqualificazione e rigenerazione delle aree abbandonate e degradate, del risanamento ambientale, della realizzazione di soluzioni di riorganizzazione urbana coerenti con i principi dello sviluppo sostenibile.

Un’apposita formazione specialistica di settore quindi, divenuta sempre più attuale, specie ora con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Tale specializzazione conferma la risposta formativa dedicata alla crescente domanda di qualità ambientale, sicurezza del territorio, gestione sostenibile delle risorse. Il suo progetto didattico-scientifico infatti, mira a trasferire conoscenze per formare capacità volte ad operare in questi strategici campi.

“Il master in ‘Pianificazione Territoriale e Ambientale’ – tiene a precisare la coordinatrice, prof.ssa Angela Barbanente del Poliba risponde a una esigenza di formazione specifica nel campo della pianificazione territoriale e ambientale dovuta al fatto che in Italia e in Europa è molto aumentata la domanda istituzionale di piani e programmi territoriali e ambientali a ogni livello in conseguenza delle sfide poste dal “Green Deal” europeo e dalla transizione ecologica nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr)”.

Il percorso formativo prevede un approccio interdisciplinare e un orientamento ambientale. L’iniziativa, coinvolge principalmente i docenti del Politecnico di Bari.  Sono infatti previsti 12 moduli, per un totale di 60 crediti formativi universitari (CFU) su: Pianificazione della Mobilità e dei Trasporti; Selvicoltura; Idraulica Ambientale e Territoriale; Biologia Ambientale; Economia Ambientale; Ingegneria e Pianificazione Territoriale; Sistemi Organizzativi; Fisica Tecnica Ambientale; Geologia Ambientale; Sistemi Informativi Territoriali; Geomatica; Modelli matematici per l’Ingegneria Ambientale. Le attività didattiche, erogate sia in modalità remota sia in presenza, sono articolate in due pomeriggi alla settimana di norma concordati con gli allievi, e sono suddivise in due semestri: il primo da febbraio 2021, il secondo da ottobre 2021.

È previsto anche uno stage facoltativo. Il corso è a numero chiuso per massimo 30 candidati –termine ultimo per le domande è il 18 gennaio 2022- provvisti di qualsiasi laurea specialistica, magistrale o laurea vecchio ordinamento. I candidati laureandi possono essere ammessi “con riserva” a frequentare il Master, a condizione che comunichino tempestivamente l’avvenuto conseguimento della laurea richiesta. Non sono previsti limiti di età e cittadinanza. Prevista una selezione basata su una valutazione curriculare ed un colloquio attitudinale.

Il percorso formativo è compatibile con l’erogazione delle Borse di Studio erogate dalla Regione Puglia, nell’ambito del progetto “PASS LAUREATI – Voucher per la formazione post-universitaria”.

Le attività didattiche del Master si svolgeranno presso il Politecnico di Bari, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica – Campus Universitario. Al termine del corso è prevista una prova finale per il conseguimento del titolo.

Per ulteriori informazioni gli interessati possono rivolgersi al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico (campus universitario. E-mail di riferimento: [email protected]). Il bando completo del concorso è disponibile sul sito del Poliba – DICATECh Dottorati di ricerca e Master, all’indirizzo: http://www.dicatechpoliba.it/en/dicatech-dottorati-di-ricerca-e-master


Articolo precedenteNatale con i fantasmi
Articolo successivoBarletta, Claudio. Che la sua morte, risvegliando le coscienze, individuali, familiari e sociali,
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.