Si terrà presso la Chiesa Cattedrale nel giorno della festa onomastica del Vescovo Luigi Mansi

Riceviamo e pubblichiamo:

Le note del grande maestro Vivaldi risuoneranno nella Chiesa Cattedrale di Andria giovedì 21 giugno alle 20.00 in un concerto dell’associazione Cluster Choral Academy del Maestro Luigi Leo.

Cluster Choral Academy è nata nel 2013 come associazione culturale, ereditando il lungo percorso iniziato nel 1998 dall’Associazione Modus Novus Cluster. Cluster è un termine inglese che tradotto in italiano significa grappolo ad esprimere che l’attività corale è, come un grappolo d’uva, composta da diversi cori, da tanti cantori che eseguono diversi generi musicali, tutti però uniti alla vite della coralità.

Un cammino “corale”, dunque, che nel 2018 è giunto al suo ventesimo anniversario.

Il Concerto sarà incentrato sulla musica di Antonio Vivaldi e dedicato, appunto, ad “A. Vivaldi”. Saranno eseguite tre prestigiosissime opere: il trionfale Dixit Dominus RV 595, il Concerto in re maggiore per violino e archi RV 208 ed il notissimo Gloria RV 589.

Il Dixit Dominus è uno dei Salmi attribuiti al Re David, fra i più cantati ed utilizzati nella liturgia delle Ore. «Molto amato dalla Chiesa antica e dai credenti di ogni tempo», come dichiarato da Joseph Ratzinger, che lo definisce «celebrazione del Messia vittorioso, glorificato alla destra di Dio».

Fra i numerosissimi compositori che hanno musicato questo testo, Vivaldi ne ha composto tre versioni delle quali la RV 595 è stata realizzata nel 1730 circa per l’Ospedale della Pietà a Venezia. Ogni singolo versetto del salmo corrisponde ad uno degli 11 movimenti dell’opera che Vivaldi ha composto per soli, coro ed orchestra.

Il Concerto in re maggiore per violino e archi RV 208 dal titolo suggestivo «Grosso Mogul», con ogni probabilità si riferisce a quello che era ritenuto il più celebre diamante dell’epoca e che doveva il suo nome al fatto di appartenere al tesoro del Gran Mogol.

Il titolo suggestivo, benché di dubbia autenticità, mira dunque a sottolineare la qualità e il virtuosismo scintillante del lavoro, che costituisce uno degli esempi più emblematici del concerto virtuosistico vivaldiano.

Il Gloria RV 589 di Antonio Vivaldi è costituito da 12 movimenti oculatamente contrastanti, con repentine variazioni d’umore e grandi cambiamenti nella trattazione delle parti vocali e strumentali. Nella struttura di soli e coro che si susseguono, Vivaldi cambia il tessuto efficacemente, dimostrando la sapienza con cui era in grado di variare i colori musicali e palesando la sua maestria.

I cori Modus Novus e Juvenes Cantores di Cluster Choral Academy, insieme ai soprani Lucia Giordano e Anna Cimmarrusti, al contralto Fabio Mola e all’Orchestra La Stravaganza, saranno diretti dal Maestro Luigi Leo che si è già esibito nella nostra diocesi in altre occasioni con risultati sempre eccellenti.

L’occasione sarà propizia per porgere al nostro Vescovo Luigi Mansi fervidi auguri per la sua festa onomastica.

Don Gianni Massaro

Vicario Generale – Diocesi di Andria

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa smorfia. Clamoroso accordo Trump – Kim
Articolo successivoOltre l’Aquarius…
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole. Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente. Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo. A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano. Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione. Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.