Dopo una breve introduzione, ci siamo occupati la settimana scorsa della fascia entry level e della fascia media.

Nella categoria MEDIO-ALTA potremmo riconoscerci un po’ tutti perché evoca la sensazione di aver speso il ‘giusto’, ma anche in questo caso il rischio fregatura è dietro l’angolo. Per Android le scelte sono diverse e meritevoli di attenzione partiamo dagli ultimi arrivi per arrivare ai top 2014:

  • Huawei Honor 7 da poco salito a 350€, 5.2” fullHD, ottima CPU Kirin 935, 3Gb di Ram, LTE, fotocamera 20Mpix, lettore d’impronte posteriore e materiali premium, gli aggiornamenti non sono rapidi a differenza di altri brand.
  • One Plus 2 prezzo di partenza sui 400€, azienda per veri nerd, offre il top ad un prezzo accessibile (FLAGSHIP KILLER), marketing aggressivo in rete e il loro motto è Never Settle. Display da 5.5” FullHD, Processore Snapdragon 810 revisionato, 4Gb di Ram, 64Gb di memoria, LTE, fotocamera da 13mpix con stabilizzatore ottico, lettore d’impronte frontale e batteria da 3300mah. L’acquisto è volutamente complicato da un sistema ad invito.
  • LG G4 poco meno di 450€ la quotazione, specifiche che rispecchiano la fascia, si parte da un display da 5,5” QHD (esagerato), processore SD808, 3Gb di Ram, 32GB di memoria interna, LTE, ottima fotocamera da 16Mpix con stabilizzatore ottico e laser per il focus.
  • LG Flex 2 si è svalutato in fretta per le critiche mosse al suo processore ancora acerbo appena uscito, ma unico per il suo display flessibile OLED curvo da 5.5” sinonimo di maneggevolezza, le altre specifiche sono in linea con altri dispositivo di fascia superiore.
  • Huawei Ascend Mate 7 è grande e pesante, un display da 6” non è per tutti, però i materiali sono di qualità e le specifiche sono bilanciate, con un budget di 350€ ha un senso.
  • Nexus 6, altro big per dimensioni del display QHD e peso, processore SD805, 3GB di Ram, 32 di memoria non espandibile, è un prodotto per appassionati, infatti la linea di questi device sviluppati direttamente da Google sono i primi ad ottenere le nuove distribuzioni Android, con tutti i pro e i contro. Poco più di 400€ e un po’ di pazienza.
  • Sony Z3 e Z3 Compact: il marketing soporoso non ha dato loro ragione nelle vendite ma i prodotti sono notevoli ancora oggi, display da 5.2”FullHD e 4.6”HD, processore SD801, 3Gb di Ram, 16GB di memoria interna espandibile, LTE, ricarica magnetica, impermeabilità, fotocamera da 20.7Mpix, eccellente batteria, vetro posteriore e finiture premium, rispettivamente per meno di 450€ e meno di 400€. Super consigliati.
  • Samsung S5: un top 2014 completo e oggi conveniente, display Super Amoled da 5.1”FullHD, processore SD801, 2Gb di Ram, 16Gb di memoria interna espandibile, LTE, fotocamera da 16Mpix, pulsossimetro, ottima batteria, tutto ciò per ‘soli’ 350€.
  • HTC ONE M8 dopo il successo di M7 nel 2013 l’aspettativa era grande e ripetersi non è mai facile, troppe cornici e spessore rispetto alla concorrenza, solido assemblaggio con predominanza del metallo, display da 5” FullHD, processore SD801, 2Gb di Ram, 32Gb di memoria interna, doppio altoparlante anteriore Boomsound (ideale per chi ama farsi sentire in pubblico mentre ascolta un mp3), fotocamera senza lode, discreta batteria e sorprendente fluidità. Per 400€ ne vale la pena, di più forse no.
  • Xiaomi Mi Note Pro: un top per specifiche ad un prezzo interessante, tuttavia 450€ sono oggettivamente troppi per un brand ancora poco conosciuto da noi.

Per completezza è giusto menzionare altri smartphone interessanti: Samsung A7 (350€), LG G3 32GB (380€), HTC Desire 820 (350€), Xiaomi Mi Note (350€), Meizu MX4 Pro (390€) Sony Z2 (400€) e Samsung Galaxy Note 3 (490€).

Windows Phone non pervenuti.

Tornando alla Apple, questa è la fascia di prezzo che più è in fibrillazione sul mercato dell’usato perché a seconda del taglio di memoria (32/64Gb), stato d’usura ed eventuale garanzia ogni giorno sbucano come funghi decine di iPhone 5s. Se invece l’obiettivo è iPhone 6 450€ garantiscono soli 16Gb, con un po’ di fortuna a 500€ la versione Plus.

Appuntamento alla prossima settimana per chiudere in bellezza con la Fascia Alta.

LASCIA UNA RISPOSTA