Sopra nuvole di gesso,

Īśvara mi regge dal sogno,

sono pura materia

oggi

ma sotto quale forma?

Ho guidato carri pieni di latta

o forse li ho trainati, il mio alito sull’erba pesta,

la nebbia di māyā.

Ho fatto voto di silenzio,

ricordo

quando ancora energia sottile

leggevo le carte al mio futuro,

gioco questo ov’è difficile trovare

uno spiraglio.

Non importa più dove e quando

la mia statura proietti un’ombra.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa ricchezza di Gino Veronelli
Articolo successivoDell’Isis e dintorni. Siamo in guerra. E non lo sappiamo…
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.

LASCIA UNA RISPOSTA