L’ASSOCIAZIONE PANDORA AL FIANCO DELLE PAZIENTI ONCOLOGICHE: CON L’INIZIATIVA “UN CAPELLO PER AMICO” SARÀ POSSIBILE DOTARE L’U.O. DI ONCOLOGIA MEDICA DEL POLICLINICO DI DUE CASCHI REFRIGERATORI PER LA PREVENZIONE DELL’ALOPECIA INDOTTA DA CHEMIOTERAPIA

L’Associazione PANDORA O.N.L.U.S., con sede presso l’Oncologia Medica Universitaria del Policlinico di Bari, nasce dal desiderio di persone comuni di sostenere i pazienti oncologici e le relative famiglie nella gestione del percorso di malattia. La mission principale dell’Associazione consiste nell’affiancare il paziente oncologico nella sua totalità, a partire da un supporto attivo nella gestione di aspetti clinici e psicologici di pazienti e familiari, sino all’impegno per sostenere la ricerca scientifica contro il cancro. Una delle iniziative più importanti per il 2017 dell’Associazione è “Un capello per Amico!”. Si tratta di una raccolta fondi per l’acquisto di un innovativo sistema di refrigerazione del cuoio capelluto per la prevenzione dell’alopecia, uno tra gli effetti collaterali più frequenti in corso di chemioterapia. Ne abbiamo parlato con il Direttore della UO di Oncologia Medica del Policlinico di Bari, il Prof. Franco Silvestris.

Quanto è importante l’alopecia per le pazienti oncologiche?

Il problema dell’alopecia da farmaci chemioterapici – spiega il Prof. Silvestris – seppur transitorio e con recupero al termine delle terapia, ha un profondo impatto negativo sotto l’aspetto emozionale sulle pazienti, specialmente in quelle più giovani. Basti pensare che alla comunicazione della diagnosi di tumore e della necessità di iniziare la chemioterapia, si associa anche la notizia di una modifica importante del proprio corpo che inevitabilmente aumenta il grado di ansia e sofferenza in un momento già di per sé complesso e di difficile razionalizzazione. La caduta dei capelli quindi modifica profondamente l’immagine di sé stessi, in particolare nella donna, ed è di fatto un marchio di malattia visibile a sé ed agli altri, vissuto come indice di vulnerabilità che ricorda e rinnova ogni giorno ansie e paure per il proprio destino. Purtroppo, la caduta dei capelli è così temuta da molte pazienti, tanto da condurle spesso alla rinuncia al trattamento.

È possibile prevenire l’alopecia?

Sino a pochi anni fa non esistevano rimedi efficaci per prevenire l’alopecia e si mirava a nasconderla con l’uso di parrucche, cappelli, foulard o bandane. Tuttavia, è stato recentemente sviluppato un innovativo dispositivo che riduce in maniera significativa la caduta dei capelli. Si tratta di un casco morbido refrigerato attraverso un complesso sistema idraulico che, indossato durante l’infusione della chemioterapia, permette di raffreddare il cuoio capelluto provocando vasocostrizione periferica e riduzione dell’afflusso dei farmaci ai capillari del bulbo pilifero. Pertanto, quest’ultimo viene meno a contatto con i chemioterapici e si riduce il danno tossico delle cellule del bulbo. Come dimostrato in studi clinici, il risultato finale è di una significativa riduzione dell’alopecia fino al 60% delle donne trattate.

Come nasce la campagna “Un capello per Amico!”?

L’iniziativa nasce dal desiderio dell’Associazione PANDORA O.N.L.U.S. di sostenere concretamente i malati oncologici ed è per questo che abbiamo deciso di intervenire a favore delle donne malate di cancro per organizzare una raccolta fondi con l’obiettivo di donare l’innovativo Scalp Cooling System ORBIS II (PAXMAN©) alla UO di Oncologia del Policlinico di Bari. Questo gesto di solidarietà, che proseguirà sino al raggiungimento della somma necessaria per l’acquisto del dispositivo (circa 40.000 euro), permetterà ogni giorno a due donne sottoposte a chemioterapia presso il nostro centro di beneficiare contemporaneamente del trattamento preventivo con due caschi refrigeratori. Si tratta quindi di un obiettivo molto ambizioso – conclude il Prof. Silvestris – per cui è necessario un concreto sostegno da parte di soci e conoscenti per permettere alle pazienti costrette alla chemioterapia di ricevere un trattamento più protettivo e sempre più orientato verso alla tutela di chi soffre di cancro.

Per sostenere l’iniziativa “Un capello per Amico!” dell’Associazione PANDORA basta una semplice donazione (IBAN: IT40 B054 2404 0100 0000 1064 366; causale: campagna un capello per amico) e con questo piccolo gesto si offrirà un grande aiuto alle pazienti oncologiche.

www.oncologiamedicauniversitaria.it

Si ringrazia il sig. Sebastiano Acquaviva, della segreteria di oncologia dell’Università degli Studi di Bari, per la gentile collaborazione fornita.

CONDIVIDI
Articolo precedente“La Téranga”… e restiamo umani
Articolo successivoIl lascito di don Lorenzo Milani
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba. Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here