Soli si è nella malattia,

c’è chi si diletta nel conto alla rovescia,

chi scommette

o fugge,

chi interpreta e sottolinea,

chi traduce

e racconta, novelli redattori..

e Dio veglia dall’alto,

sereno nel patto

siglato dall’uomo,

la morte che poi non esiste,

solo un nome

e

banale etichetta

da secoli applicata

sul diario del tempo

e quello dello spazio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa marcia di Libera a Bologna. Appunti dal discorso di don Luigi Ciotti
Articolo successivoPulizie di Primavera
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.

LASCIA UNA RISPOSTA