Nel Deuteronomio, 5° libro della Bibbia, riscontriamo degli imperativi ripetuti e scanditi con un accorato appello: Ricordati, Non dimenticare, Guardati bene dal dimenticare. C’è da chiedersi: perché nel Deutero­nomio la memoria ha una funzione talmente rilevante che il “ricordare” sembra essere una legge addirittura superiore alla morale?

Il senso di smarrimento che può colpire l’individuo o una comunità di fronte a certe disgregazioni può es­sere sopportato con rassegnata passività, ma può anche capovolgersi in una fuga nostalgica verso il passa­to. La memoria in questo caso non è una sorta di vagabondaggio nel passato per ricreare un mondo sottrat­to alle leggi del tempo, ma rimane decisamente ancorata alle ragioni del presente. Il passato è un campo di osservazione. Visitarlo costantemente significa ri­cercare quei segni che possono essere determinanti per il presente che si sta vivendo. In questa prospettiva la memoria può abbandonare certi tratti individualistici ed episodici per diven­tare memoria e patrimonio della collettività.

In altre parole, non è più la persona solitaria che cerca nella memoria una possibile via di uscita dal pantano in cui si trova, ma è la collettività che sente il bisogno di ri­cordare per la propria sopravvivenza e il proprio futuro cammino. Ricordava George Santayana: “Chi non si ricorda del passato è condannato a ripeterlo”.

Ma la memoria di cui parla il Deuteronomio non mira principalmente a esorcizzare il male, bensì è una sorta di riflessione sulla fecondi­tà del bene che, pur se collocato nel passato, è pe­rò soggetto di sviluppi nel pre­sente. La grande originalità del discorso biblico sta nel fatto che il pas­sato è un oggi. La memoria ridesta il coraggio creativo per l’oggi e per il domani.

Presente e futuro sarebbero difficili da affrontare senza il soste­gno della memoria: il presente, pieno di ten­sioni e di contraddizioni, sem­bra mortificare ogni possibile speranza, il futuro incombe misterioso e minac­cioso creando uno stato di tormentosa ansietà.

Il fondamento stabile su cui la fede si appoggia è la memoria di ciò che Dio ha già operato per il suo popolo. Si comprende così come la Bibbia racchiuda non tanto concetti astratti, massime sapienziali e affermazioni dogmatiche, ma un lungo elenco di eventi da ricordare.

A questo proposito Abraham Heschel rileva: “Gli ebrei non hanno conservato gli antichi monumenti. La luce che si è accesa nella loro storia non si è mai spenta. Con vigorosa vitalità, il pas­sato continua a so­pravvivere nei loro pensieri, nei loro cuori, nei loro ri­ti, se il ricordo è un atto sacro: noi santifichiamo il pre­sente rammentando il passato”. Potremmo aggiungere: per la forza del passato noi ci apriamo un varco verso il futuro.

Sotto il peso di cir­costanze tremende, la memoria può diventare fragile con il rischio di essere sconfitta dai nuovi barbari che impongono con ogni mezzo la “Damnatio memoriae”, perché la memoria incarnata è sovversiva e irriverente … è una forza vitale che impedisce alla sopraffazione, con il suo carico di dolore, di costruire il suo futuro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerra degli uomini
Articolo successivoPavoncella di fiume
Elia Ercolino
Elia Ercolino, nato a Peschici (FG) 15/02/1954. Formazione classica con specializzazione in teologia biblica. Ha tenuto corsi di esegesi e teologia   vetero e neotestamentaria. Giornalista pubblicista dal 1994 e professionista dal 2004. Impegnato nell’emittenza televisiva locale dal 1992. Direttore di Tele Dehon dal 1994 con auto dimissioni nel 2012. Direttore responsabile e fondatore della testata giornalistica “Tele Dehon Notizie” dal 1995 al 2012. Impegnato da sempre nel mondo del volontariato sociale.

LASCIA UNA RISPOSTA