Hai fiducia nel popolo italiano? Hai mai pensato che lo stesso sia facilmente assoggettabile e quindi controllabile da questo potere forte e, a volte, ipocrita di cui hai parlato?

Purtroppo, il popolo Italiano è stato ottenebrato da anni di televisione; di stampa asservita.

Non credo che ci sia un Paese come il nostro che per venti anni abbia potuto affidarsi a quello che è stato nient’altro che un imbonitore; un parolaio; uno che ha continuato a promettere cose che poi non venivano realizzate.

Ho viaggiato spesso all’estero per lavoro e spesso tante persone mi hanno chiesto come facessimo noi Italiani a votare un personaggio del genere; non potevo rispondere perché io stesso, nonostante non abbia mai votato certi personaggi, mi vergognavo tremendamente.

Purtroppo è da anni che noi italiani siamo abituati a piegare la testa; è da anni che accettiamo che nel nostro Paese gli equilibri politici vengano determinati a forza di stragi di Stato e non sappiamo reagire a tutto questo. È avvilente ma, a questo punto, realistico pensare che forse siamo veramente un popolo di servi che ama chinare la testa; forse, da questo punto di vista non possiamo neppure definirci un Paese.

Una volta, qualcuno disse è stata fatta l’Italia, adesso bisogna fare gli Italiani. Bene, forse gli Italiani non sono stati mai effettivamente fatti e purtroppo noi Italiani non siamo mai stati capaci di diventare un popolo.

occhio

A ridosso delle Stragi di Capaci e Via D’Amelio vi fu una grande mobilitazione del popolo italiano. A tal proposito ricordo un episodio, dal forte valore simbolico, avvenuto fuori dalla Chiesa dove furono celebrati i funerali degli uomini della scorta del Giudice Borsellino. In quell’occasione molti palermitani urlavano: “Fuori la mafia dallo Stato”. Ritieni che le coscienze degli Italiani debbano restare sempre vigili e non svegliarsi solo dopo episodi eclatanti?

Purtroppo, in Italia c’è bisogno del sangue, delle stragi, perché la gente possa reagire e svegliarsi.

Non è soltanto il popolo a reagire unicamente in quelle occasioni, a scuotersi dalla sua coltre di indifferenza per poi, a poco a poco, scivolare di nuovo nello stesso atteggiamento di indifferenza, ma purtroppo è lo stesso Stato ad assumere questo atteggiamento.

Riflettiamo: in Italia le leggi per contrastare la criminalità organizzata non sono mai state promulgate per decisione autonoma dello Stato, sono sempre venute in seguito a stragi: per emanare la Legge Rognoni- La Torre, che è una legge fondamentale per combattere la criminalità organizzata, si è aspettato che venisse barbaramente ucciso Pio La Torre; per fare approvare il Decreto Legge sui Collaboratori di Giustizia, fortemente voluta da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, non bastò neanche  che uccidessero Falcone, dovettero uccidere anche Borsellino, perché quel decreto fosse convertito in legge. Purtroppo questo nel nostro Paese è sempre successo. Probabilmente perché la politica, e non lo Stato, perché lo Stato siamo anche noi, in Italia, piuttosto che combattere la criminalità organizzata, ha sempre scelto di venire a patti con la stessa.

giovanni-falcone-la-prima-pagina-de-la-repubblica-dedicata-alla-strage-di-capaci-241784

Mi viene in mente una frase che Paolo pronunciava spesso: “La Mafia e lo Stato sono due organismi che sono attivi sullo stesso territorio e quindi c’è una sola una possibilità: o si combattono o si mettono d’accordo”.

La politica ha scelto sempre di mettersi d’accordo con la mafia e quindi credo sia proprio questo il grande problema del nostro Paese: non c’è mai stata una volontà autonoma di combattere la criminalità organizzata, questa lotta è stata sempre delegata ad alcune istituzioni come la magistratura, le forze dell’ordine o ad alcuni uomini come Paolo Borsellino, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone o uno dei tanti servitori dello Stato che, proprio perché lasciati soli dallo Stato, sono stati barbaramente ammazzati.

http://movieplayer.it/foto/giovanni-falcone-la-prima-pagina-de-la-repubblica-dedicata-alla-strage-di-capaci_241784/ ]
CONDIVIDI
Articolo precedenteUn piccolo gesto per un uomo, un grande gesto per la società
Articolo successivoElezioni Europee 2014: ritornare ad educare l’ Europa
Giuseppe Leonetti
Una famiglia dalle sane radici, una laurea in Giurisprudenza all’Università di Bologna, con una tesi su “Il fenomeno mafioso in Puglia”, l’esperienza di tutti i giorni che ti porta a misurarti con piccole e grandi criticità ... e allora ti vien quasi spontaneo prendere una penna (anzi: una tastiera) e buttare giù i tuoi pensieri. In realtà, non è solo questo: è bisogno di cultura. Perché la cultura abbatte gli stereotipi, stimola la curiosità, permettere di interagire con persone diverse: dal clochard al professionista, dallo studente all’anziano saggio. Vivendo nel capoluogo emiliano ho inevitabilmente mutato il mio modo di osservare il contesto sociale nel quale vivo; si potrebbe dire che ho “aperto gli occhi”. L’occhio è fondamentale: osserva, dà la stura alla riflessione e questa laddove all’azione. “Occhio!!!” è semplicemente il titolo della rubrica che mi appresto a curare, affidandomi al benevolo, spero, giudizio dei lettori. Cercherò di raccontare le sensazioni che provo ogni qualvolta incontro, nella mia città, occhi felici o delusi, occhi pieni di speranza o meno, occhi che donano o ricevono aiuto; occhi di chi applica quotidianamente le regole e di chi si limita semplicemente a parlare delle stesse; occhi di chi si sporca le mani e di chi invece osserva da una comoda poltrona. Un Occhio libero che osserva senza filtri e pregiudizi…

LASCIA UNA RISPOSTA