Piccoli workshop di carattere conviviale: prendono il via a giugno, ad Andria. Saranno un esercizio di disegno e ricomposizione dei fatti…

Si tratta di piccoli workshop di carattere conviviale, composti da una cena e da un laboratorio intensivo il giorno dopo, nei quali piccoli gruppi di lavoro (massimo 12 partecipanti) proveranno a osservare una piccolissima porzione di città utilizzando le più svariate tecniche. Volumi, linee, luci, suoni, storie, atteggiamenti e umori di questo ambiente minimo saranno oggetto dell’osservazione ed elementi stessi del lavoro.

La parola Oratori rimanda, in modo non troppo impegnativo, ad alcune suggestioni: dall’oratorio inteso in senso architettonico (piccola parte di un edificio, religioso o meno, dedicata alla preghiera o alla meditazione), all’oratorio come genere musicale barocco (componimento dialogico per pochi solisti, senza scene né costumi). Chiamare Oratori questi esperimenti vorrebbe allontanarsi dal modo abituale di pensare ai laboratori: negli Oratori, per esempio, le parti fra chi insegna e chi apprende saranno spesso invertite, e si proverà a concepire il lavoro di gruppo come una specie di composizione armonica, concentrata e non priva di sorprese.

A creare questa armonia contribuirà non poco la cena della prima sera, obbligatoria per tutti e parte integrante del lavoro: i partecipanti appena arrivati si ritroveranno infatti intorno al tavolo di un piccolo ristorante, per una lunga e prelibata cena. Sia il ristorante che i luoghi dove dormirà chi arriva da fuori saranno molto vicini al luogo di lavoro: il tutto sarà raggiungibile a piedi, chiacchierando ancora, accompagnandosi l’un l’altro.

A tenere i laboratori saranno conduttori esperti della materia o della tecnica proposta.

Sono già aperte le iscrizioni ai primi due Oratori:

01. LA MANO PENSA, LA MENTE VEDE

Disegnare dal vero, a mano libera / a mano guidata. La macchina prospettica.

condotto da Lorenzo Netti, 8/9 giugno 2018, per 8 persone

02. ANDRIA PAINTED JOURNAL

Perché alcune storie hanno bisogno di essere raccontate col disegno.

condotto da Simonetta Volpe, 15/16 giugno 2018, per 8 persone

 A organizzare è Untitl.Ed, piccola casa editrice molto defilata, ma dall’ottima reputazione, che nel 2005, prima in Italia, iniziò a pubblicare, su commissione, autori sconosciuti e singolari reperiti sul web. La collana Untitl.Ed si è interrotta nel 2012 ma Oratori Untitled, un antico e curioso progetto mai veramente abbandonato, riporta adesso in auge il sobrio logo rosso della casa editrice “detitolata”.

oratoriuntitled.wordpress.com

fb page: @oratoriuntitled

CONDIVIDI
Articolo precedenteEconomia circolare a tinte verdi
Articolo successivoCOSA ACCADE DAVVERO IN VENEZUELA
Lettere al Direttore
Uno spazio in cui siete liberi di esprimere le vostre riflessioni, i vostri inviti, i vostri appelli. Unico limite, il rispetto della regola aurea che qui vi proponiamo nella sua versione indù: «Questa è la sostanza del dovere: non fare agli altri ciò che a te farebbe male» (Mahabharata, 5.15.17)