Mente mia cullata
da dita curiose
sui ghazal del grande Hafez
quale asse portante
che un tarlo severo minaccia,
punteruolo d’un nemico sempre
in agguato,
erba bruciata
ov’io mi sotterro
senza croce,
se questo può servire
giusto a chiedervi
perdono.

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Piccoli morsi dell’amore cannibale”, letta da F. De Santis
Articolo successivoLa bellezza ri-donerà umanità, giustizia e verità all’umanità imbruttita
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.

LASCIA UNA RISPOSTA