Il mese di novembre, insieme alla commemorazione dei defunti provoca una certa riflessio­ne intorno all’aldilà: tra semplice curiosità e insegnamento della tradizione cristiana si aprono oriz­zonti in cui gli interrogativi scandiscono la ricerca.  

 

La formula “l’inferno c’è ma è vuoto” è un luogo comune il cui moderno rilancio viene generalmente attribuito al teologo svizzero Hans Urs von Balthasar (1905 – 1988). Ma c’è chi sostiene che anche Benedetto XVI velatamente approvi tale formula nella sua enciclica “Spe salvi“.

 

Intorno a questo tema, a farla da padrone sono certi testi apocalittici della Bibbia che, se non in­quadrati all’interno del proprio genere letterario, rischiano di essere fuorvianti. Caratteristica del linguaggio apocalittico, tipico di certi predicatori, è scuotere i propri fedeli con immagini stravolgen­ti: lo scopo non è informare sulla fine del mondo e sul dopo, ma fornire insegnamenti sul compor­tamento nel presente; è qui che il male provoca l’inferno.

 

Appartengono a questo genere testi che fanno rabbrividire come “Non vi ho mai conosciuti. Allon­tanatevi da me, voi che operate l’iniquità! (Mt 7,23) … Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti (Mt 13,41-42)… Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre (Mt 22,13)… Arriverà il padrone quando il servo non se l’aspetta e nell’ora che non sa, lo punirà con rigore e gli infliggerà la sorte che gli ipocriti si meritano: e là sarà pianto e stridore di denti (Mt 24,51) … Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli (Mt 25,41)”. Sono parole terrificanti non uniche sulla bocca di Gesù.

 

Ma l’incontro con Dio può essere una drammatica resa dei conti? Di fronte a questo rischio chi può sentirsi sicuro di averla fatta franca? È questa la giustizia di Dio? Questo comportamento può es­sere considerate “vangelo”, cioè “buona notizia”?

 

Come si concilia tutto questo con quel Dio della “pecorella smarrita” che è venuto a “cercare ciò che era perduto” (Lc 19,10) e che si gloriava di essere “l’amico dei pubblicani e dei peccatori” (Lc 7,34)? Questo Dio potrà un giorno schierarsi contro di loro? Anche la “giustizia” di questo Dio non convince: potrà il male dell’uomo (creatura fragile, limitata, finita) essere punito con un castigo infi­nito, “eterno”? e la proporzione fra la colpa e la pena dov’è?

 

Secondo la nostra ottica un giudice è giusto quando punisce con equità. Ma è questa la giustizia di Dio? Egli è giusto, sostiene il biblista p. Armellini, non perché premia o castiga conforme ai nostri schemi e criteri, ma perché rie­sce a rendere giusti coloro che sono malvagi (Rm 3,21-26).

 

L’inferno esiste, ma non è un luogo creato da Dio per punire, al termine della vita, chi si sarà comportato male. È una condizione di infelicità e di disperazione creata dal male da cui però è possibile uscirne facendosi guidare dall’azione liberante e acco­gliente di Cristo e dei suoi fratelli.

 

La questione dunque è il “mettersi in viaggio” lasciarsi guidare da una sana inquietudine nel cercare “i perduti”; alla fine, continua p. Armellini è davvero difficile sostenere che quel buon pastore – cui nessuno riuscirà a strappare di mano alcuna pecora (Gv 10,28)  non trovi il modo di farci diventare tutti… “suoi agnelli”.

[Foto copertina: cultura.biografieonline.it ]

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSiamo un popolo di ignoranti?
Articolo successivoCHI SONO IO PER GIUDICARE
Elia Ercolino
Elia Ercolino, nato a Peschici (FG) 15/02/1954. Formazione classica con specializzazione in teologia biblica. Ha tenuto corsi di esegesi e teologia   vetero e neotestamentaria. Giornalista pubblicista dal 1994 e professionista dal 2004. Impegnato nell’emittenza televisiva locale dal 1992. Direttore di Tele Dehon dal 1994 con auto dimissioni nel 2012. Direttore responsabile e fondatore della testata giornalistica “Tele Dehon Notizie” dal 1995 al 2012. Impegnato da sempre nel mondo del volontariato sociale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here