ACER

Certo è che non siamo tutti uguali!

Nel rimestar notizie apparse in “Fatto”

non son riuscito a farmi una ragione

sui tanti nomi lì, formanti alone

intorno al teatrino del bagatto…

 

Verdini, gran maestro dell’imbroglio,

ha fatto sua tutta la stagione…

ma adesso ch’è scoppiato ‘sto bubbone,

non resta nudo e ancor mantiene il soglio…?

 

La bancarotta e la massoneria,

il Nazareno e illeciti avveduti,

magagne, di partito, poi, compiuti…

 

qui non si tratta solo d’angheria:

pei suoi stratagemmi ben tessuti

ci ha resi ben mazziati… e poi venduti…

Fontehttps://flic.kr/p/7wUgVB
CONDIVIDI
Articolo precedente12 luglio. Andria non dimentica. Una messa sarà celebrata in cattedrale
Articolo successivoLa smorfia. Salvate il soldato Wikipedia!
Salvatore Memeo
Salvatore Memeo è nato a San Ferdinando di Puglia nel 1938. Si è diplomato in ragioneria, ma non ha mai praticato la professione. Ha scritto articoli di attualità su diversi giornali, sia in Italia che in Germania. Come poeta ha scritto e pubblicato tre libri con Levante Editori: La Bolgia, Il vento e la spiga, L’epilogo. A due mani, con un sacerdote di Bisceglie, don Francesco Dell’Orco, ha scritto due volumi: 366 Giorni con il Venerabile don Pasquale Uva (ed. Rotas) e Per conoscere Gesù e crescere nel discepolato (ed. La Nuova Mezzina). Su questi due ultimi libri ha curato solo la parte della poesia. Come scrittore ha pronto per la stampa diversi scritti tra i quali, due libri di novelle: Con gli occhi del senno e Non sperando il meglio… È stato Chef e Ristoratore in diversi Stati europei. Attualmente è in pensione e vive a San Ferdinando di Puglia.