Si sfianca la memoria
risucchiata da ricordi
in dissolvenza.
Sorvola mobili chiome
di ulivi.
Plana su foglie larghe
di fico
percorse da api ubriache
di nettare.
Esultanti cicale riempiono
l’afa
con ritmi primitivi
e la fatica placano…
del ritorno

LASCIA UNA RISPOSTA