incontri

Incontri (s)fortunati

Ero persa nel mare, naufraga di una vita solitaria, di incontri e di partenze, di navigazione senza approdo.

Luccica la vita del marinaio all’occhio fermo.

Brillano i suoi racconti.

Fanno gola le sue gesta.

Racconterò, allora, della bellezza degli incontri destinati alla divergenza.

Della rara fortuna di inciampare in mondi sconosciuti, di amarli e subito salutarli. Dell’empatia inaspettata dissolta negli abissi.

Sono racconti brevi.

Si fa presto a dire della forza della corrente che travolge tutto, lasciando vaghi ricordi e nitida nostalgia.

È bella la vita del marinaio che conosce la felicità e non ha il tempo di viverla.

È felice la vita del marinaio che vive la purezza degli incontri e non ha il tempo di coltivarla.

È pura la vita del marinaio che coltiva network e non semina.

Auguri di buon Natale a tutti i marinai in crociera.

Che lo scintillio del mare non offuschi, troppo a lungo, la bellezza della terra.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNatale
Articolo successivoPoesia per il Natale. “Diamo a Cesare…”
Melania Aufiero
Identikit banale, non molto dissimile da quello di migliaia di coetanei che hanno lasciato il porto sicuro alla ricerca di mari più dinamici. 24 anni, un foglio di carta che mi definisce dottore col rito abbreviato, la corsa al secondo che arriverà presto. Nata ad Avellino, vivo a Varese, studio a Losanna. 5 anni di vagabondaggio, 3 città e 4 traslochi. Solo 3 città e 4 traslochi, si può fare di più. Molti hanno già fatto di più. L'ansia di dover correre, la paura di arrivare tardi, la fretta di vedere i risultati. Eppure nulla mi farebbe tornare indietro. Non baratterei il metallo più prezioso per nessun istante della mia crociera. Ogni volto, storia, superficie, profumo, boccone fa parte dei miliardi di cellule che porto a spasso nel mondo. Odysseo è la nave che stavo cercando, l'equipaggio di marinai di cui sento di far parte e al cui coro vorrei aggiungere la mia voce per narrare al mondo le bellezze e le difficoltà che danno colore ai nostri viaggi.

LASCIA UNA RISPOSTA