Il 2015 è stato proclamato “Anno Internazionale della Luce e delle Tecnologie Basate sulla Luce”. L’iniziativa, promossa dall’UNESCO, mira ad accrescere la conoscenza e la consapevolezza sul modo in cui le tecnologie basate sulla luce promuovano lo sviluppo sostenibile di vari campi, come quello dell’energia, dell’istruzione, delle comunicazioni, della medicina. Durante il 2015 in tutto il mondo si svolgeranno una serie di progetti di divulgazione e di ricerca scientifica, di conferenze internazionali ed eventi sociali mirati.

Lo studio tecnologico della luce ovvero della guida, della rilevazione, della generazione e del controllo dei fotoni (le “particelle” di luce) si chiama Fotonica. Questa disciplina, parte integrante dell’ottica e strettamente collegata con l’ottica quantistica, è nata con l’invenzione del Laser nel 1960. Questa invenzione straordinaria, costruita per la prima volta da T.H. Maiman e avvenuta poco dopo l’invenzione della fibra ottica (1956), ha provocato una catena sconvolgente di eventi che hanno radicalmente modificato il nostro modo di vivere, di comunicare, di curarci e di misurare.

Saremo in grado, durante questo anno dedicato alla Fotonica ed alla Luce in generale, di ripercorrere le tappe tecnologiche e storiche di questa grande rivoluzione scientifica? Ecco la sfida lanciata dall’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del CNR a tutti gli studenti ed insegnanti delle scuole superiori italiane. Proprio con questo spirito è nato il progetto “Photonics4all”, al cui interno è stato pubblicato un bando per il concorso “Fotonica in gioco”: l’obiettivo dei partecipanti è quello di ideare e realizzare un gioco da tavolo originale che tratti i temi della Fotonica in tutti i possibili ambiti, dal colore alla storia, alla tecnologia, alla cultura. L’iscrizione è aperta sia a singoli che a gruppi classe guidati da insegnanti, il concorso verrà presentato entro maggio 2015 e la consegna dei giochi inventati sarà entro il 31 gennaio 2016.

Fotonica in Gioco” è un’occasione divertente per conoscere un po’ meglio l’affascinante mondo della luce e per scoprire in che modo l’uomo è riuscito nel corso dei millenni ad usare in modo efficiente i segnali luminosi. I concorrenti e i giocatori avranno l’occasione di ripercorrere un avventuroso cammino che porta dal faro di Alessandria d’Egitto ai moderni LIDAR, dagli specchi di Archimede al laser da taglio, dalle fontane illuminate con giochi di luce alle più sofisticate guide d’onda.

Spetta a voi scegliere a che gioco giocare!

Per informazioni:

http://www.fotonicaingioco.it/

http://www.unesco.it/cni/index.php/news/304-2015-anno-internazionale-della-luce

LASCIA UNA RISPOSTA