Siena, stabilimenti di Rosia, Novartis Vaccines and Diagnostic srl: si produce qui il vaccino FLUAD che ieri l’Aifa ha ritirato dal mercato dopo tre morti sospette di pazienti ai quali il vaccino era stato somministrato.

Si tratta di una misura cautelativa che riguarda solo ed esclusivamente due lotti, il 142701 e il 143301.

La Novartis ha subito dichiarato la propria intenzione di collaborare con le autorità per chiarire la vicenda e, in un suo comunicato, ha espresso totale fiducia nella salubrità dei propri farmaci, in particolare del FLUAD, pur attivandosi immediatamente e in via preliminare per revisionare i lotti oggetto di inchiesta.

Da tale verifica emergerebbe la conformità del vaccino Fluad, utilizzato sin dal 1997, distribuito in più di 65 milioni di dosi in tutto il mondo e sperimentato con successo da decine e decine di migliaia di pazienti.

Sulla vicenda ha preso la parola Luigi Marroni, assessore al diritto alla salute per la Regione Toscana: “I cittadini toscani possono stare tranquilli. Il sistema sanitario toscano si è subito attivato per garantire i controlli più rigorosi. La campagna di vaccinazione antinfluenzale si svolgerà nella nostra regione assicurando a tutti le condizioni di massima sicurezza”.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLandini, Renzi e le persone oneste
Articolo successivoTerrasanta, terra di sangue e di mancate verità
Giuseppe Davide Farina
"Ci vuole passione!": furono le ultime parole che mi sussurrò mio nonno prima di morire. Indimenticabili, significative ed emblematiche, incarnano tutta la mia personalità. Urlo di gioia quando segno un goal, il calcio è la mia passione sportiva. Il mio animo è profondamente turbato dagli interrogativi di Socrate e Platone, La filosofia è la mia passione culturale. Instancabilmente curioso, desidero sempre ed appassionatamente approdare ad Itaca, comprendere il senso di ciò che vivo e conosco.

LASCIA UNA RISPOSTA