Nasce un network tra diverse società sportive, che ha selezionato i dieci migliori allenatori dei settori giovanili di basket

Il progetto P.L.A.Y, finanziato dall’agenzia europea EACEA, unisce la bellezza di uno sport come il Basket alla magia della musica che, con il suo ritmo, scandisce le tecniche coordinative degli atleti. Dallo scorso dicembre, infatti, la Pallacanestro giovanile pugliese può usufruire del programma Erasmus+ Sport e dei contributi economici di un Consorzio costituito da cinque Paesi europei quali Finlandia, Inghilterra, Slovenia, Spagna e, appunto, Italia.

L’iniziativa, dalla durata di tre anni e caldeggiata dal Presidente dell’ASD Margherita di Savoia Basket, Spartaco Grieco, ha permesso di creare un network collaborativo tra diverse società sportive, selezionando i dieci migliori allenatori dei settori giovanili di basket.

Tra questi spicca il nome dell’AD Atletica Andria e del coach Elisa Matera. Teatro della sperimentazione agonistico-musicale è stato il Polivalente, struttura che ben si è prestata al cosiddetto “Pilot Implemention”, una nuova metodologia di allenamento mixata da brani musicali e pensata per cestisti dai 10 ai 14 anni.

Ciò a cui anela il progetto P.L.A.Y è la valorizzazione socio-educativa dei ragazzi, intesa come opportunità di crescita anche nelle relazioni interpersonali tra alunni ed insegnanti, un percorso formativo ed inclusivo che identifica nello Sport il principale veicolo di condivisione scolastica e famigliare.

Il corso è aperto agli appassionati tra i 5 e i 16 anni. Chiunque fosse interessato, può prenotare una lezione gratuita chiamando Elisa Matera al numero 3206285897.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCon Vincenzo sempre nel cuore: la terza edizione dell’ecotrail “Sotto l’occhio di Federico”
Articolo successivoAzione Cattolica: una questione di passione!
Miky Di Corato
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Puglia, ho iniziato a raccontare avventure che abbattono le barriere della disabilità, muri che ci allontanano gli uni dagli altri, impedendoci di migrare verso un sogno profumato di accoglienza e umanità. Da Occidente ad Oriente, da Orban a Trump, prosa e poesia si uniscono in un messaggio di pace e, soprattutto, d'amore, quello che mi lega ai miei "25 lettori", alla mia famiglia, alla voglia di sentirmi libero pensatore in un mondo che non abbiamo scelto ma che tutti abbiamo il dovere di migliorare.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here