Antesignano del Pontefice, don Tonino Bello ha promosso la Chiesa del grembiule e profetizzato la convivialità delle differenze. Papa Francesco gli renderà omaggio approdando a Molfetta e Alessano il 20 aprile.

L’eternità gli appartiene perché ha fatto dell’esistenza un tempo d’amore.

Per questo Papa Francesco gli renderà omaggio il 20 aprile, a venticinque anni dal dies natalis, approdando in Puglia. Qui don Tonino Bello, antesignano del Pontefice e con lui assonante fin dall’elezione, ha testimoniato la “Chiesa del grembiule” e profetizzato la “convivialità delle differenze”.

Minore come Francesco d’Assisi che ha portato nel cuore, e dotto come Antonio di Padova che ha portato nel nome, don Tonino ha steso una scala tra cielo e terra, promuovendo una spiritualità di cerniera tra fede e storia. Ha frequentato con la stessa intensità la Bibbia e il giornale, il presbiterio e la navata del mondo, attualizzando la Chiesa conciliare: empatica, estroversa, missionaria, al servizio dei poveri.

Qualunque cosa abbia fatto – il prete, l’educatore, lo sportivo, il musicista, l’uomo di cultura, il profeta di pace, il poeta, il cantore della bellezza e della gioia, l’evocatore della maternità che salverà il mondo, il campione della tenerezza – ha operato sempre e soltanto nel nome di Gesù Cristo.

Per lui, uomo di sintesi, pace e carità sono le parole più importanti della Parola.

La prima espressione del Risorto è “pace a voi”. La Chiesa deve tenerne conto. “Dal giorno di Pasqua, ha un compito preciso: annunciare la pace. Questo è il suo progetto politico, la sua linea diplomatica, il suo indirizzo amministrativo”.

Carità è la chiave di lettura della “carriera” di Dio in Cristo, un abbassamento dopo l’altro: “Da ricco che era, si è fatto povero” (2 Cor 8,9) fino ad amare i poveri con viscere di misericordia.

Allo stesso modo don Tonino. Ha considerato i poveri “beati e benedetti”, ha dato loro visibilità in un contesto desideroso di occultarli, si è schierato di preferenza dalla loro parte, ha invocato per loro Maria del Magnificat che “innalza gli umili e abbassa i potenti”, ha offerto un’ala di riserva a chi è rimasto impigliato nei rovi delle nuove e vecchie povertà, si è industriato nel promuovere le “pietre di scarto” al rango di “testate d’angolo”, ha racchiuso l’enciclica della sua vita nel motto “Ascoltino gli ultimi e si rallegrino”, tratto dal salmo 84, a cui ne ha aggiunto un altro a mo’ di compendio: “La misura dell’amore è di amare senza misura”. Tutti: a partire dai poveri. L’ha detto e l’ha fatto.

Il suo “sogno diurno”? L’umanità coesa, conviviale, che include le differenze come fattore di ricchezza e di crescita. Per questo don Tonino ha combattuto l’ingiustizia, ha avuto cura del creato, ha contrastato ogni politica di potenza, ha alimentato le obiezioni di coscienza, ha provato disgusto per la militarizzazione del territorio, il traffico e l’uso delle armi.

Dopo essersi opposto alla guerra del Golfo, e aver vissuto il dramma dei migranti albanesi in esodo, ed essere entrato in Sarajevo in guerra, si è adagiato fra le braccia del Signore, “confitto ma non sconfitto”.

Il compimento della sua parabola, l’ha desiderato simile a quello di Mosè sul monte Nebo: “Mi piacerebbe un tramonto come il tuo. Con il cuore ancora gonfio di passione per la vita. Con gli occhi fiammeggianti nel riverbero di cento ideali. E il dito puntato verso la terra dei miei sogni”.

Il giorno delle esequie, decine di migliaia di persone hanno gremito il porto di Molfetta: proprio dove si recherà il Papa per fare memoria di lui e celebrare il memoriale di Cristo. Giovani e adulti, credenti e non credenti, ricchi e poveri insieme. La brezza levantina spirava carezzevole dall’Adriatico, e sfogliava l’evangelo poggiato come una chiave di volta sul feretro, quasi a ricapitolare il senso della vita architettonicamente compaginata intorno a Cristo.

Ora le spoglie sono custodite in Alessano: proprio dove si recherà Papa Francesco in preghiera. Alessano, prossima al Capo di Leuca, il belvedere mediterraneo dove le acque s’incontrano e la terra finisce e comincia un mondo altro.

Molti raggiungono in pellegrinaggio la tomba scavata nella nuda terra. I giovani elevano canti di gioia. Gli adulti recitano una preghiera e depongono un fiore. I piccoli vi poggiano un disegno.

È la fucina dei “contemplattivi”: capaci di estasi e di azioni. L’umanità nuova, fatta di credenti e persone di buona volontà, che don Tonino Bello ha amato. A lui ancora allacciate da un legame più forte del cordone ombelicale. Anzi, più forte della morte.

FontePhoto credits: Renato Brucoli
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Sacra Scrittura nella vita e nella missione della Chiesa
Articolo successivoPerché non facciamo più figli
Renato Brucoli
Renato Brucoli (Terlizzi, 1954) è editore e giornalista pubblicista. Attivo in ambito ecclesiale, ha collaborato con don Tonino Bello dirigendo il settimanale d’informazione religiosa della diocesi di Molfetta e il Settore emerge della Caritas, in coincidenza con il primo e secondo esodo dall’Albania in Italia (marzo-agosto 1991) e per alcune microrealizzazioni di ambito sanitario nel “Paese delle Aquile”. Nella sfera civile ha espresso particolare attenzione al mancato sviluppo delle periferie urbane e fondato un’associazione politica di cittadinanza attiva. Ha anche operato nella Murgia barese per la demilitarizzazione del territorio. Autore e curatore di saggi biografici su don Tonino Bello e altre personalità del Novecento pugliese, dirige la collana Alfabeti per le Edizioni Messaggero Padova. Direttore responsabile della rivista Tracce, collabora mensilmente con il periodico La Nuova Città. È addetto stampa per l’associazione Accoglienza Senza Confini Terlizzi che favorisce l’ospitalità di minori bielorussi in Italia nel dopo Chernobyl. L’Università Cattolica del Sacro Cuore, per la quale ha pubblicato una collana di Quaderni a carattere pedagogico sul rapporto adulto-adolescente, gli ha conferito la Medaglia d’oro al merito culturale. L’Ordine dei Giornalisti di Puglia gli ha attribuito il Premio “Michele Campione”: nel 2013 per l’inchiesta sul danno ambientale procurato da un’industria di laterizi; nel 2015 per la narrazione della vicenda umana e sportiva di Luca Mazzone, campione del mondo di paraciclismo.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here