Poesia

Poesia per il Natale.

Lo Stato vuole togliere il croficisso dalle aule? Lo tolga. Chissà che le famiglie cattoliche non ritornino a metterne uno nelle loro case.

Lo Stato vuole togliere la recita di Natale e il presepe? Li tolga. Chissà che i cattolici non riscoprano il vero senso del Natale, che non è regali, stare in famiglia, cultura del presepe, etc., ma fare memoria dell’incarnazione e nascita di Dio sulla terra per visitare l’umanità, amarla e redimerla.

Lo Stato deve essere veramente laico? Allora cambi la data. Non conti più dalla data della nascita di Cristo, ma poniamo la data della presa della Bastiglia quale data d’inizio, in memoria della Rivoluzione francese, dell’Illuminismo e delle cadute delle monarchie.

Lo Stato deve essere laico? Allora cambi il giorno di festa della settimana. Fissi un altro giorno della settimana, non più la domenica, giorno della festa della resurrezione di Cristo. Chissà che i cristiani non tornino davvero ad amare questo giorno e a santificarlo.

Lo Stato deve essere laico? Allora tolga le feste di Pasqua e di Natale. Si festeggino feste di Stato. Chissà che i cristiani non recuperino il valore della resurrezione di Cristo e il significato per le loro vite.

Lo Stato deve essere laico? Lo sia. Diamo pure a Cesare ciò che è di Cesare.

Ma a Dio diamo ciò che è di Dio.

Per i cristiani, la vita e il creato, cioè ogni cosa.

Non si tratta solo di fare poesia…

CONDIVIDI
Articolo precedenteIncontri (s)fortunati. Dedicato a tutti i marinai…
Articolo successivoDavide Rondoni: “La poesia mette a fuoco la vita”
Nicola Uva
Ho viaggiato molto nella mia vita, soprattutto in Europa. Il motivo? Chi lo sa. Forse all'inizio perché era bello. Poi forse perché cercavo un senso a questo mio vagare. Mi chiamo Nicola, ho 30 anni e lavoro attualmente in una cartolibreria. Mi sono diplomato, successivamente laureato e specializzato in economia. Ma poi qualcosa è cambiato. Ho effettuato un discernimento vocazionale che mi ha portato all’ingresso in seminario, ma anche lì qualcosa mi mancava. Cosa? Forse proprio il viaggiare. A breve, terminato il mio lavoro, partirò per un viaggio in Terrasanta. Mi sento felice, il perché è difficile da spiegare anche a me stesso. Perciò dunque non chiedetelo. Perché vi posso assicurare che più importante non è il saperlo. Più importante è trovarne la fonte. Io ho trovato la mia, e la vostra qual è?

LASCIA UNA RISPOSTA