“Non c’è schiavitù migliore dell’essere prigioniero della speranza”: la nostra vita finisce il giorno che diven­tiamo silenziosi sulle cose che contano. Il coraggio per aver assaporato il gusto amaro della sconfitta, l’aver percepito mani fiacche e cuori sconsolati a causa di conflitti e rifiuti, può portare ad accogliere la sfida della speranza come un volersi veramente bene: rinunciarvi è rinunciare alla vita.

Ma … quando ci imbattiamo tra mille silenzi o tra mille assenze, quando si incontrano “spalle voltate” di chi ha liberamente accettato il ruolo istituzionale di ricuci­re legami e rapporti, chi pronuncerà l’invito del profe­ta Zaccaria (9,12): “Tornate alla fortezza, o voi prigionieri della speranza”?

Kierkegaard aveva definito la speranza “passione per ciò che è possibile”, mettendo in particolare l’accento sul “pathos” di quell’amore doloroso e gioioso che lega il cuore umano a ciò di cui ha profonda nostalgia e quindi l’attende.

Per la persona responsabile la speranza non è una scelta opzionale ma è un comando: è forza che ci man­tiene in vita e seme dirompente che ci porta alla libertà.  Sì, può sembrare strano che la speranza sia un co­mando. Certamente sembrerà strano per coloro che la considerano come un pio sentimento del cuore o una esube­ranza giovanile; come anche per quelli che l’hanno riposta nell’esperienza o nelle previsioni di una sto­ria: co­storo non sperano, ma calcolano secondo le leggi della probabilità … non sono uomini di spe­ranza, ma burocrati, esperti del conteggio.

La speranza è più di un sentimento, più di una esperien­za, più di una previsione. La speranza è un comando; seguirlo significa vivere, sopravvivere, perseverare, mantenersi in vita fino a ché la morte non sia inghiot­tita nella vittoria. Obbedire a tale comando significa non essere mai rassegnati né concedere mai rabbio­samen­te spazio al­la distruzione. Annunziare la speranza è lavorare su di sé, sulla propria immagina­zione, sulla or­ganizzazione della propria vita. Ordinariamente non ci si improvvisa testimoni della speranza.

Sperare non è confidare in un ipotetico astratto miracoli­stico intervento di Dio, ma nella forza atte­stata di persone sempre accoglienti, anche se ferite, attraverso un comunicare “amorevole” e personale. In propo­sito sono offensive certe parole consolatorie, perché non risollevano mai nessuno dallo stato di prostrazio­ne, ma colui che trasforma la rabbia in speranza, colui che lotta e alla fine spera anche per tutti coloro che non hanno più speran­za, pur non essendo più “immacolato”, diventa prezioso nel vincere la grande tenta­zione della disperazione e della frustrazione, unendo misteriosamente tra loro una moltitudine di persone: è questa una grande forza aggregante tra steppe e deserti, tra spazi pericolosi e letali prodotti dalla pazzia umana. Roger Garaudy aveva definito la speranza “l’anticipazione militante dell’avvenire” nonostante la frattura tra pro­messa e realizzazione, tra “coraggio” e “futuro”.

Si ha bisogno di poeti, nel senso etimologico del termine (poièô = fare, rendere concreto, plasmare), che sappiano esprimere la realtà a partire dai simboli. Se la speranza non anima la nostra vita, vana sarà la nostra attività, vuota la nostra compassione.

CONDIVIDI
Articolo precedente“O PADRE NOSTRO…”. La preghiera nella Divina Commedia
Articolo successivoCosa hanno pensato in Palestina
Elia Ercolino
Elia Ercolino, nato a Peschici (FG) 15/02/1954. Formazione classica con specializzazione in teologia biblica. Ha tenuto corsi di esegesi e teologia   vetero e neotestamentaria. Giornalista pubblicista dal 1994 e professionista dal 2004. Impegnato nell’emittenza televisiva locale dal 1992. Direttore di Tele Dehon dal 1994 con auto dimissioni nel 2012. Direttore responsabile e fondatore della testata giornalistica “Tele Dehon Notizie” dal 1995 al 2012. Impegnato da sempre nel mondo del volontariato sociale.

LASCIA UNA RISPOSTA