Ma come vogliamo veramente che sia il nuovo anno?

 

“Auguri!” – “Auguri!”; “Buon anno!” – “Buon anno a te!” – “Buon anno a te e ai tuoi cari!” – “Buon anno a tutta la tua famiglia!”

E già. E certo.

Ma come vogliamo, esattamente, che sia il nuovo anno?

Quando ne auguriamo, e ce ne auguriamo, uno “buono”, cosa, di preciso, ci aspettiamo perchè sia tale?

Lavoro, famiglia, salute: si capisce, è chiaro.

Tanto più in un anno in cui abbiamo stracciato ogni precedente record negativo quanto al tasso dei disoccupati e dei mezzoccupati (alias “precari”, “esodati”, “quota 96” e chi più ne ha, più ne metta!). Ancor di più se pensi che sono anni che ci dicono che è l’ultimo di crisi e poi invece va sempre peggio…

Certo: il lavoro!

E poi: la famiglia! E come no?

La famiglia bistrattata, strattonata, sconquassata. La famiglia che tutti la nominano e nessuno sa più esattamente cosa sia. Quella che tutti vogliono qualcosa dalla famiglia e tanti (a cominciare dal Governo, anzi: dai Governi…) le negano aiuto. La famiglia, quella che: a meno che tu non sia papa Francesco, #nontiazzardareaparlare di unioni civili, divorziati, patchwork family, figli con utero in affitto e/o a tutti i costi e, di contro, abortiti (dell’aborto non osa parlare nemmeno il giullare Benigni, con buona pace del quinto comandamento). Non azzardarti a parlarne perché non è “politicamente corretto”.

Certo: la famiglia!

E la salute! Vuoi mettere?

La salute che ti ammazzano con l’inquinamento elettromagnetico, il buco nell’ozono, i gas serra, le falde acquifere inquinate, l’aria irrespirabile, i cibi ogm e quelli che costano poco perché fanno male, le bevande gasate, gli alcolici, i superalcolici, il fumo, lo strafumo e le droghe e le dipendenze (tipo quelle dal gioco d’azzardo) pubblicizzate dallo Stato perché portano soldi nelle casse dello Stato e delle Fondazioni amiche.

Certo: la salute!

Vuoi scherzare?

No. Non vogliamo scherzare. Ci piacerebbe sul serio augurare un po’ di felicità. Magari quella fatta di cose semplici. Come un lavoro dignitoso, delle persone che ti amano e che ami, il rispetto del tuo corpo e di quello dell’altro.

Ve lo siete mai chiesto? Chissà come facevano i nostri nonni ad avere poco, pochissimo, quasi niente rispetto a quanto tanti di noi possono avere, eppure ad essere felici. Sì: felici!

Con la schiena spezzata dalla fatica, nemmeno la possibilità di fare una gita fuori porta e, manco a dirlo, zero occasioni di andare a cena fuori o a ballare e sballarsi.

Eppure erano felici!

Allora: buon anno! Un anno felice. Un anno denso di vita.

E di lavoro, famiglia, salute.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl viaggio di Odysseo
Articolo successivoUn dolcino per la Befana
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba. Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

2 COMMENTI

  1. Io lo vorrei più vicino all’uomo e a Dio, fatto di più misericordia e carità, meno giudicare, invertiamo la rotta e andiamo verso il mare aperto della vita invece delle certezze della terra… guardiamo oltre ciò che l’occhio può vedere… e qualcosa scopriremo, qualcosa cambierá qualcosa di nuovissimi troveremo… auguri a tutti. Diego.

LASCIA UNA RISPOSTA