Braccialetto elettronico: quando la realtà supera la fantasia…

La polemica sorta riguardo all’annunciato e probabile uso del braccialetto elettronico da parte di Amazon, ha allarmato il mondo del lavoro, dovrebbero usarlo i dipendenti perché adempiano alle loro mansioni lavorative in un breve o accettabile tempo: si chiama sorvegliare.

In Italia è vietato dall’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori, datato 1970, ripreso dal punto 4.1 del Provvedimento a carattere speciale del Garante della Privacy del 2004 e da sentenze della Corte di Cassazione, una recente del 2007: l’articolo 4 comma 2 dello Statuto dei lavoratori prevede che “Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l’Ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l’uso di tali impianti”.

Il Ministero del Lavoro ha ribadito che tali apparecchiature introdotte e liberalizzate dal Jobs Act come “strumenti di controllo a distanza” e “innovazioni tecnologiche”, possono essere utilizzate previo accordo sindacale o autorizzazione dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro o del Ministero.

I vertici di Amazon hanno assicurato che il braccialetto elettronico sarà operativo solo in America quasi la dignità di un lavoratore avesse confini geografici o colore della pelle.

Non si tratta di follia, è semplicemente una conseguenza del voler sapere sempre cosa il nostro amico, vicino, collega stia facendo e i social offrono la possibilità di metterlo in pratica: siamo quasi tutti prigionieri digitali, mappati, senza saperlo e alcuni consapevolmente, perché ora gridare allo scandalo o alla schiavitù?

La società in cui viviamo, quella del controllo totale, è causa nostra, del nostro sentirci sempre soli e trascurati, fragili e insicuri: internet è un tramite facile e veloce, non richiede maturità ma solo pochi click su di una tastiera o altro. “Chi è causa del suo male, pianga se stesso”, recita un detto popolare.

Un tempo il contadino tornava dal lavoro nei campi, stremato, bagnato, infreddolito ma strada facendo poteva ammirare un’alba o un tramonto e trarne consolazione: ora in pochi alzano la testa dai cellulari.

Non si tratta solo di usare un potere coercitivo ai danni un povero lavoratore, che senza lavoro sarebbe ancora più povero, né di idolatrare il lavoro a discapito dei dipendenti: il punto ci sembra piuttosto chiederci se “Il grande fratello” che la fantasia di George Orwell aveva intravisto nel lontano 1948 non sia stato, oramai, abbondantemente superato dalla realtà.

Fontehttp://www.thebluediamondgallery.com/wooden-tile/images/amazon.jpg
CONDIVIDI
Articolo precedenteI fascismi che non muoiono mai…
Articolo successivoLa Sacra Scrittura nella vita e nella missione della Chiesa
Damiano Landriccia
Damiano Landriccia nasce ad Andria, nel 1973. Sposato, con tre figli, vive a Trani. Ama leggere e scrivere. Ha scritto e scrive recensioni cinematografiche per il Mensile Culturale milanese “Quarto Potere” (www.quartopotere.com). Ha scritto per la rivista di moda pugliese “City View”. Ha vinto il Festival Teatrale U.A.I. – Atti Unici Italiani – di Reggio Emilia nel 2004. Gli hanno di seguito rappresentato il Testo vincitore “Il Grande Padre” a Reggio Emilia presso “Il Teatro Piccolo Orologio” sempre nel 2004. Edizioni Babila gli ha pubblicato delle poesie nel libro “Ad un passo dell’anima - dal verso all’immagine”. I testi teatrali sono pubblicati su www.dramma.it. Altri testi e poesie sono pubblicate sul sito www.ewriters.it

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here