Bit 2015 significa culture, tradizioni, sport, gusto, viaggi da tutto il mondo, ma anche affari, turismo di alta classe e massimo relax.

C’è poco da fare: se volete conoscere le tendenze del turismo mondiale, la Borsa Internazionale del Turismo è un appuntamento da non perdere, e non solo per gli operatori del settore.

Si conclude domani un appuntamento dal sapore esclusivo: mai come quest’anno Bit significa un’occasione imperdibile per conquistare i milioni di visitatori stranieri che verranno in Italia per l’Expo 2015 e che bisogna invitare a visitare l’intero Belpaese.

Peraltro, a quanto pare, il vento dell’economia incomincia a cambiare, c’è voglia di buttarsi alle spalle anni e anni di crisi e di vedere crescere il segno “più” del settore turistico, da sempre il vero “petrolio” dell’economia italiana.

Attesi alla Bit tutti i più grandi tour operator e 2000 espositori da 100 Paesi diversi: roba da far venire l’acqua alla gola agli amanti del viaggio. Ancora numeri: oltre 1500 hosted buyer (+50% rispetto alla scorsa edizione) provenienti da ben 70 paesi diversi, presenti sia le economie emergenti che quelle più forti. Enrico Pazzali, Ad di Fieramilano, ha dichiarato: «Bit2015 è la manifestazione leader in un settore che è eccellenza italiana riconosciuta nel mondo. L’internazionalità si respira qui in questi tre giorni sarà un ‘Welcome’ al mondo del turismo anche in vista di Expo. A due mesi dall’evento, Bit1025 si propone come il volano più efficace per la valorizzazione del territorio Italia».

Quanto alle macro-aree della Bit, esse saranno: Leisure World, Mice World, Luxury World, Digital-Technology e Destination Sport. Forte l’’incremento degli espositori italiani (in crescita del 60%), aumenta la partecipazione di istituzioni locali al loro debutto in Bit. Basti citare esempi di qualità come, Ostuni, in Puglia, Forte dei Marmi, in Toscana, o Venaria Reale, in Piemonte.

Ovviamente, largo spazio all’enogastronomia e all’abbinamento sport/viaggi/cultura: basterà scorrere velocemente il programma per farsene un’idea più che corposa.

Insomma: ce n’è per tutti i gusti e c’è da augurarsi che ce ne sia, in particolare, per attirare investimenti esteri in Italia.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Shoah non cancelli la Nakba
Articolo successivoSanremo, la libertà e l’Albania
Cosimo Damiano Farina
Studio fisioterapia all’Università di Bari. Amo il contatto con la gente. Amo la musica. Amo lo sport. Amo la vita. Mi contraddistingue la risata, un tratto che sempre mi accompagna: sarà per questo che tanti amici mi vogliono bene? A me pare di sì... A dispetto dei miei studi scientifici, Odysseo mi aiuterà ad apprezzare il lato umanistico della mia personalità.

LASCIA UNA RISPOSTA