Ora non resta che chiudere gli occhi

e respirare piano

perché ti voglio assaggiare,

primavera,

ed addomesticare,

bella e gitana che sei

e distante,

e la tua corazza di mistero e vetro

si dissolve

nel tramonto che t’accoglie,

nel tramonto che riveste il tuo cammino…

 

BĂRĂGAN (in rumeno)

Acum nu rămâne decât să închid ochii

şi să respir încet

pentru că vreau să te simt,

primăvară,

şi să te îmblânzesc,

frumoasă şi gitană cum eşti

şi distantă,

şi platoşa ta de mister şi de sticlă

se dizolvă

în apusul care te întâmpină,

în apusul care îmbracă drumul tău…

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Ankara è la mia Bara”, disse la pace appena prima di morire
Articolo successivoGiornalismo di cartapesta
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.

LASCIA UNA RISPOSTA