Roteando,

le mie cellule ho sperso

e donato al vento,

intrecciate a fili di

arabesco..

note indecifrabili

che raccolgo

nel meccanismo simile

ad orologio squassato e

sei tu, sono io,

riportati a casa

feriti;

ci ridestiamo colore,

iridi, papaveri

e spighe che

lavano il dolore

nell’aura d’ambra che avvolge il sangue speso

e lo perde dentro

un semplice ricordo…

 

Back home (trad. in lingua romena)

Rotind,

celulele mi-am pierdut

și dăruit vântului,

împletite la firele de

arabesc..

note indescifrabile

pe ce le adun

în mecanismul similar

unui ceas zguduit și

ești tu, sunt eu,

readuși acasă

răniți;

ne redeșteptăm culoare,

curcubeie, maci

și spice care

spală durerea

în aura ambrei înfășurând sângele risipit

și-l pierde într-o

simplă amintire…

 

________________________________

Leggi le altre poesie in italiano e rumeno di Luca Cipolla

Fontepixabay.com
CONDIVIDI
Articolo precedenteIntegrazione: l’ultima strada per l’Europa
Articolo successivoQuest’Italia è un Paese…
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here