Una iniziativa della Diocesi di Andria. Il comunicato di don Gianni Massaro

Inizia mercoledì 11 aprile alle ore 19.30 presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II” in via Bottego 36 – Andria, il corso di secondo livello, promosso dall’Ufficio Catechistico Diocesano, per la cura pastorale delle persone sorde. L’ufficio Catechistico Diocesano, dopo essersi soffermato negli anni precedenti sui principi della catechesi inclusiva, ha ritenuto, dallo scorso anno,  focalizzare l’attenzione su specifiche e singole patologie creando percorsi formativi finalizzati a porre i catechisti nelle condizioni di acquisire atteggiamenti idonei  per promuovere e dare centralità alla persona disabile.

Gli Orientamenti dei Vescovi  per l’Annuncio e la catechesi in Italia affermano infatti che “tutti i cristiani, in virtù del battesimo ricevuto, sono testimoni e annunciatori della fede nella vita quotidiana sia pure nei momenti di difficoltà e nonostante le limitazioni fisiche, intellettive e sensoriali. Va pertanto rafforzata e diffusa la cura di percorsi catechistici inclusivi per persone che presentano disabilità fisiche, psichiche e sensoriali, assicurando nel contempo che possano realmente partecipare alla liturgia domenicale e testimoniare, attraverso la loro condizione, il dono e la gioia della fede e l’appartenenza piena alla comunità cristiana”(I.G. n. 56).

Il corso è pertanto finalizzato a favorire un graduale percorso di  accoglienza e di inclusione, soprattutto nella liturgia domenicale e negli itinerari di vita cristiana, delle persone con disabilità sensoriale uditiva. Purtroppo nella nostra società non sempre sono presenti gesti di solerte accoglienza, di convinta solidarietà e di calorosa comunione verso le persone non udenti. La sordità genera spesso stati di vergogna e isolamento perché la persona sorda non sempre si sente capita nelle sue difficoltà e viene così facilmente ignorata nonché considerata “diversa” e  non facente parte del mondo nel quale vive, fatto sostanzialmente di rumori, suoni e relazioni di carattere verbale.

L’iniziativa è chiaramente a sostegno del progetto pastorale, indicato dal nostro Vescovo, S. E. Mons. Luigi Mansi, di una Chiesa in uscita “sempre pronta ad andare incontro a tutte quelle fasce di umanità che per i motivi più disparati sono tagliati fuori dalla vita ecclesiale e sociale”. L’auspicio espresso da Mons. Mansi è che da questo percorso biennale possano scaturire alcune linee programmatiche per l’impegno  da parte della comunità diocesana verso i fratelli sordi.

Il corso, strutturato in sei incontri dalle ore 19.30 alle ore 21.00, sarà guidato da don Giorgio del Vecchio, responsabile dell’arcidiocesi di Trani, Barletta, Bisceglie del servizio pastorale con e per le persone sorde e si terrà interamente presso l’Opera Diocesana “Giovanni Paolo II”.

Mercoledì 9 maggio è prevista la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo di Andria con la presenza dei corsisti, dell’Associazione Sordi “P. L. Apicella” e dei catechisti che vorranno essere presenti.

Ecco il programma del corso:

Mercoledì 11 aprile: Riepilogo dei segni alfabetici;

Mercoledì 18 aprile: Persone e luoghi della Bibbia;

Lunedì 23 aprile: Preghiere in LIS;

Mercoledì 2 maggio: I riti di introduzione della Messa;

Mercoledì 9 maggio: Celebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Luigi Mansi, Vescovo di Andria;

Mercoledì 16 maggio: I riti di comunione e  di conclusione della Messa.

Don Gianni Massaro

Vicario Generale e Direttore Ufficio Catechistico – Diocesi di Andria

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl “Nuzzi” è di scena… il Male!
Articolo successivoGrease, in andriese, si legge Greeze
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole. Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente. Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo. A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano. Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione. Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…