In tempi di social network, con un papa Francesco così attento alla comunicazione, certe ricorrenze posso apparire desuete, ma è giusto ricordarle, perché segnano una svolta.

15 agosto 1954 – 15 agosto 2014: oggi, sono sessant’anni dal primo Angelus diffuso nell’etere da Radio Vaticana. Fu l’inizio di una rivoluzione, un passare il Rubicone per una marcia “da” e non “su” Roma. Da quel giorno in poi, non c’è stata domenica che i Papi via via succedutisi non abbiano tenuto fede a questo appuntamento prima in radiodiffusione, poi in televisione con collegamenti in tutti il mondo, fino a sbarcare sulla Rete.

Il 15 agosto 1954, fu Pio XII a recitare pubblicamente l’Angelus da Castel Gandolfo. Papa Pacelli rimase così soddisfatto dell’esperienza che, ritornato nella sede del Vaticano, prese a pregare l’Angelus ogni domenica non dal balcone del famoso “habemus Papam”, ma dalla più modesta, e solo in seguito divenuta celeberrima, finestra del suo studio privato, nel Palazzo Apostolico, la stessa sotto cui ora la folla si assiepa ogni domenica, in attesa di vedere apparire il Pontefice.

È anche possibile riascoltare l’audio originale di quel primo Angelus: basta entrare nel sito ufficiale della Causa di canonizzazione di Pio XII (papapioxii.it) e cliccare sull’apposito link gentilmente messo a disposizione, in formato digitale, dalla stessa Radio Vaticana.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCrowdfounding: l’arte di chiedere
Articolo successivo11 settembre: la Cia torturò i sospettati
Cosimo Damiano Farina
Studio fisioterapia all’Università di Bari. Amo il contatto con la gente. Amo la musica. Amo lo sport. Amo la vita. Mi contraddistingue la risata, un tratto che sempre mi accompagna: sarà per questo che tanti amici mi vogliono bene? A me pare di sì... A dispetto dei miei studi scientifici, Odysseo mi aiuterà ad apprezzare il lato umanistico della mia personalità.

LASCIA UNA RISPOSTA