Tempo di elezioni. Di “votazioni”, forse: visto che un’altissima percentuale di italiani è intenzionata a non votare.

Gli slogan si sprecano.

I delusi: “Sono tutti uguali” – “Una volta lì, pensano solo a farsi i soldi” – “Promettono, promettono e poi…”

Gli attivisti: “Votare è partecipare” – “Votare è l’unico modo per cambiare” – “Libertà è partecipazione”.

E potremmo continuare così a lungo, includendo nella passerella i disonesti e gli onesti-ma-non-posso, il partito dei puri e quello dei benpensati, i menefreghisti e gli arrivisti, i capipopolo e quelli per cui non va mai bene nulla, i moralizzatori e i cinici.

Eccetera, eccetera, eccetera.

C’è posto per tutti.

E tuttavia, ci sia concesso qualche punto di distinguo.

Sono tutti uguali”? Si fa presto a dire. Altrettanto presto a verificare che non è proprio così. Tra uno che ti chiede la tangente e uno che non te l’ha mai chiesta, né mai te la chiederà, ci sarà pure una differenza! Basterebbe chiedere cosa ne pensano quelli che la tangente, magari per non dichiarare fallimento, l’hanno dovuta pagare, sennò il Comune la strada non te la fa asfaltare…

Votare è l’unico modo per cambiare”! Neanche questo è automaticamente vero: perché dipende da come si vota. Se voti chi ti compra, non solo le cose non cambieranno in meglio, ma potranno persino peggiorare…

Ora, per chiunque voglia usare un po’ di buon senso, sarà facile capire che il punto non è votare, ma COME e CHI votare. Ed è solo questo che può fare la differenza.

Quanto a chi sceglie di restare a casa, be’: la protesta e la disillusione son ben comprensibili, l’effetto pratico un po’ meno. Non votare, infatti, non è solo non partecipare. È lasciare che siano gli altri a decidere per te. Nel bene e, soprattutto, nel male.

31 maggio, festa della democrazia: buon voto a tutti!

CONDIVIDI
Articolo precedenteI Salvatori – Istruzioni dal catalogo Ikea per la politica
Articolo successivoQuale politico votare
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba. Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA